Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Pressing per convincere Caprioli a restare

Esplora:
Il sindaco Franco Caprioli

Evandro Ceccarelli
  • a
  • a
  • a

Franco Caprioli, dopo le dimissioni da sindaco date mercoledì sera, si è messo in malattia (8 giorni) e sembra abbia fatto perdere le tracce di sé. Parlano, a microfoni spenti, i familiari, che puntano il dito contro le trame di palazzo. E' da qui, fanno notare, che nascono i suoi problemi di salute. Lo stress. Il che vuol dire che è sbagliato accreditare la tesi, come stanno facendo gli esponenti della maggioranza, che Caprioli si è dimesso perché non sta bene. Ciò nonostante, tutti sperano in un suo ripensamento, anche se finora nessuno avrebbe avuto l'opportunità di parlarci. Per approfondire leggi anche: caprioli-civita-castellana-si-è-dimesso Tra quelli che sperano nel miracolo ci sono i Fratelli d'Itali: “A fronte delle nascenti polemiche sulle inaspettate dimissioni del sindaco, appare doveroso - si legge in una nota del portavoce, Gianluca Gasperini - intervenire per chiarire il nostro punto di vista: le condizioni di salute di Franco hanno evidentemente risentito degli impegni e dello stress dovuti al suo ruolo e ci spingono a porgergli i nostri migliori auguri per una pronta guarigione. Auspichiamo, però, un netto ripensamento da questa posizione: il sindaco deve considerare che la sua è stata una elezione quasi plebiscitaria, e Fratelli d'Italia è stato un alleato fedele che lo ha sostenuto senza riserve e in maniera trasparente, rispettando sempre l'alleanza elettorale con la Lega”. “Nel rispetto del mandato elettorale - continua - i nostri amministratori vogliono e devono poter continuare a dare il loro contributo nella gestione della vita amministrativa di Civita Castellana: la città lo ha chiesto e dobbiamo onorare questo impegno. Confidiamo, sia per lui un periodo di riposo e rigenerazione, tale da portarlo ad un ripensamento definitivo: le sue qualità umane e professionali non sono mai state in discussione. Questo auspichiamo per il bene di Civita Castellana”.