Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, la Regione Lazio ordina mascherine da editore di riviste gossip. Il servizio di Report

Paolo Di Basilio
  • a
  • a
  • a

Coronavirus, la Regione ordina mascherine da editore di riviste gossip. Il servizio di Report. Si arricchisce di un nuovo capitolo il giallo delle mascherine ordinate dalla Regione Lazio per gli ospedali del Lazio. Dopo il caso del contratto stracciato con la Eco Tech srl per dei dispositivi consegnati solo in minima parte, la trasmissione Report domenica sera ha alzato il velo anche sulla commessa per 5 milioni di mascherine, certificate per gli ospedali, affidata della Protezione civile del Lazio al prezzo di 3,50 euro l'una alla European Network Tlc società guidata da Andelko Aleksic, 40enne imprenditore di origini croate impegnato nell'editoria con riviste di gossip come Eva 200, Vip Magazine, Sirio e Astrella.  Durante il servizio (clicca qui per vederlo) è arrivata anche la telefonata dalla protezione civile alle dogane che anticipava l'invio delle certificazioni. Documenti che, controllati davanti alle telecamere, non sono risultati conformi. Durante il filmato il direttore della Protezione civile del Lazio, Carmelo Tulumello, che in passato ha guidato la polizia locale di Rieti e della provincia, ha ammesso di non aver mai trattato con la European Network ma solo con un intermediario che si occupava della logistica delle consegne e delle operazioni di sdoganamento. Un altro caso imbarazzante, insomma, per la Protezione civile del Lazio dopo le polemiche delle scorse settimane circa le commesse, molte delle quali appaltate con un affidamento diretto, per l'acquisto e la fornitura di dispositivi di protezione da inviare agli ospedali. Per approfondire leggi anche: Mascherine mai arrivate, la Regione straccia il contratto con la Eco Tech Il servizio di Report ha poi dato conto che quelle mascherine sono state poi analizzate dall'Inail che ha dato il via libera al loro utilizzo. Ma la verifica, come ha confermato un funzionario dell'ente, è avvenuta solo sulle certificazioni fornite dalla società cinese che le ha prodotte e dalla quale la società che ha fornito i dispositivi si è fornita.