Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Pugno a un carabiniere dopo la rissa a Viterbo: dominicano condannato a sei mesi

Paolo Di Basilio
  • a
  • a
  • a

Pugno a un carabiniere, condannato un dominicano. Quel colpo sferrato a un uomo in divisa gli è costato una pena a sei mesi. Condanna per il dominicano di 25 anni attualmente in carcere per maltrattamenti in famiglia, sequestro di persona e lesioni per dei fatti avvenuti ad agosto. La sentenza in questione, pronunciata dal giudice Elisabetta Massini, si riferisce a un episodio che invece è avvenuto nel luglio nel 2017 in via della Palazzina. Leggi anche: Tenta di strangolare la fidanzata L'imputato fu protagonista di una scazzottata con due italiani e, all'arrivo di una pattuglia dei carabinieri, aggredì i militari a calci e pugni colpendo in faccia un uomo in divisa che finì al pronto soccorso. Al termine della requisitoria il pm onorario aveva chiesto una pena di 4 mesi per resistenza a pubblico ufficiale. Il difensore del dominicano (l'avvocato Samuele De Santis) pur tenendo conto degli elementi a carico del suo assistito ha voluto sottolineare il percorso di recupero che lo stesso ha avviato in carcere. “Purtroppo quando beveva un po' di più perdeva il controllo”, ha detto. Il giudice, dopo una breve camera di consiglio, lo ha condannato a 6 mesi. Per quanto riguarda invece il processo per i fatti avvenuti l'8 agosto in via San Lorenzo quando l'uomo aggredì la fidanzata italiana, la sorella incinta e alcuni amici che erano in casa con lui, si entrerà nel vivo il 28 febbraio quando saranno ascoltati i primi testimoni.