Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, i sindaci di Acquapendente e Proceno: "I parenti dell'infermiera contagiata stanno bene"

default_image

Paolo Di Basilio
  • a
  • a
  • a

Coronavirus, i familiari dell'infermiera contagiata stanno bene. A comunicarlo, tramite Facebook, sono stati i sindaci dei comuni coinvolti nell'emergenza ossia Acquapendente, Proceno, Sorano, Pitigliano e Castell'Azzara. L'infermiera, che lavora a in un pronto soccorso nell'area di Piacenza, aveva comunicato ai suoi familiari lo scorso fine settimana di essere stata contagiata e di essere sotto controllo in quarantena. Erano scattate dunque le procedure del caso anche nella zona dell'Alta Tuscia e delle aree senesi al confine visto che la donna ha riferito di essere stata in zona nel week end tra il 15 e 16 febbraio incontrando i parenti. Per approfondire leggi anche: Contagiata infermiera, allarme nell'Alta Tuscia Per approfondire leggi anche: Rinviato il pranzo del Purgatorio a Gradoli Ma i parenti al momento non sono stati contagiati. Questo il testo del comunicato diramato dai sindaci: "Le verifiche di controllo sulle persone entrate in contatto con l'infermiera a cui a Piacenza è stato diagnosticato il contagio da coronavirus sono state completate. I risultati sono negativi. Quindi nel territorio dei nostri comuni rientra l'allerta contagio. Le persone coinvolte nell'episodio saranno comunque sottoposte a isolamento precauzionale per il periodo previsto dai protocolli sanitari. Restano complessivamente attive tutte le misure di prevenzione previste a livello nazionale".