Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Indagini complicate dall'assenza di telecamere

Paolo Di Basilio
  • a
  • a
  • a

Ostie rubate e messe nere, le indagini dei carabinieri dovranno fare a meno dell'aiuto delle telecamere. Nella zona intorno alla chiesa di San Sebastiano, infatti, non sono installati degli occhi elettronici dunque i carabinieri - che indagano sul furto-profanazione avvenuto la notte di sabato - dovranno mettere in piedi un'indagine vecchio stile. Non sarà facile tuttavia Nella zona intorno alla chiesa non ci sono telecamere che possono aiutare le indagini e la speranza è che gli ignoti che si sono introdotti a San Sebastiano possano aver lasciato involontariamente delle tracce. C'è già stato un sopralluogo dei carabinieri insieme a Don Roberto Baglioni, colui che sabato ha scoperto il furto. Sono state portate via le ostie consacrate e ancora la teca con l'Ostia Magna, due ostensori di ottone laccato, un'altra pisside vuota, un camice bianco, una casula verde, carboncini per bruciare l'incenso. Come già aveva sostenuto il parroco in un lungo post su Facebook il fine del furto sembra essere quello di impossessarsi di oggetti utili per la celebrazione eucaristica con il pericolo che vengano invece usati per le messe nere. FURTO DI OSTIE, L'OMBRA DELLE MESSE NERE Un lavoro “pulito” quello dei ladri entrati nella chiesa. Avrebbero lasciato, da quello che si è appreso, pochissime tracce. Nemmeno un'ostia in terra, nemmeno una panca fuori posto. I carabinieri hanno portato a termine un accurato sopralluogo sia nell'area della porta forzata sia all'interno del luogo sacro. Sono stati raccolti diversi elementi che, analizzati, si spera possano portare gli inquirenti a coloro che hanno messo in atto il sacrilegio. Gli oggetti rubati hanno spinto il parroco a parlare di satanisti a caccia di materiale per celebrare il loro riti neri. I carabinieri per ora sono più cauti anche se la pista, ovviamente, non viene scartata. Infatti dei semplici ladri a caccia di qualcosa di valore difficilmente avrebbero lasciato al loro posto un prezioso calice o gli stessi elementi dell'amplificazione. L'obiettivo erano le ostie e tutto ciò che c'era di sacro all'interno della chiesetta.