Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, le aziende ceramiche al governo: "Rispettiamo gli standard di sicurezza, fateci riaprire"

Paolo Di Basilio
  • a
  • a
  • a

Coronavirus, appello delle aziende ceramiche al governo: "Rispettiamo gli standard di sicurezza, fateci riaprire". E' l'appello che è stato lanciato da Augusto Ciarrocchi, presidente della Sezione Ceramica di Unindustria e presidente della Ceramica Flaminia, al Tgr Lazio. Leggi anche: Nel Lazio oltre 7.500 domande per la cassa integrazione “Molte aziende del distretto ceramico di Civita Castellana potrebbero riaprire subito i propri cancelli rispettando rigorosamente tutti gli standard di sicurezza previsti dal Governo per i lavoratori. In questo modo già nei prossimi giorni potremmo far tornare al lavoro circa 700 persone, su un totale complessivo che è di 2.000 unità", ha detto durante il servizio proseguendo: "Il Distretto di Civita Castellana è una vera eccellenza italiana e circa il 45% del proprio fatturato viene realizzato in Europa e nel mondo. Il rischio concreto che si sta correndo, se stiamo fermi, è quello di perdere rilevantissime quote di mercato, che poi difficilmente potrebbero essere riconquistate. Auspichiamo fortemente che il Governo prenda in considerazione questo nostro accorato grido di allarme”.