Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Guerra senza fine tra Comune e ambulanti

default_image

Andrea Niccolini
  • a
  • a
  • a

 Nel 2015 tra venditori ambulanti e Comune di Civita Castellana scoppiò una forte diatriba. La situazione tra le due parti fu così tesa che si arrivò, come si suol dire, ai ferri corti. L'amministrazione comunale falisca decise addirittura di istituire all'ingresso del mercato settimanale del sabato mattina, ubicato in viale Fiume Treja, alcuni posti di blocco presieduti dalle forze dell'ordine. Ci furono momenti di estrema tensione. Le forze dell'ordine ebbero il compito di effettuare rigidi controlli in quanto il Comune lamentava che molti ambulanti, nel corso degli anni, avevano cessato il pagamento o pagato in maniera parziale l'occupazione del suolo pubblico, creando un danno economico allo stesso Ente. Solamente agli ambulanti che avevano regolarizzato la loro posizione, e che avevano accettato la dilazione di pagamento prevista dall'amministrazione, fu concesso l'accesso all'area del mercato. Una vicenda che suscitò aspre polemiche anche di carattere politico tra la maggioranza e la minoranza. La minoranza sosteneva che il contenzioso poteva essere risolto in una maniera meno spartana. A distanza di tre anni da quei fatti, la spinosa e delicata situazione non si è conclusa. I venditori ambulanti difendono le proprie ragioni. Per questo motivo hanno dato incarico a due legali, l'avvocato Giacomo Marini e all'avvocatessa Giuseppina Calabrese, di tutelare i loro interessi e le loro posizioni. Giovedì 13 settembre le due parti, venditori e Comune, si incontreranno presso l'ufficio della segretaria comunale, la dottoressa Cristina Fanelli Fratini, al fine di trovare un accordo in grado di soddisfare entrambi. I venditori ambulanti hanno richiesto, durante l'importante appuntamento, la presenza del sindaco Gianluca Angelelli. “Si tratta di un incontro doveroso - spiega l'avvocato Giacomo Marini- e mi auguro che questa via del dialogo tra esercenti ambulanti e il Comune di Civita Castellana si risolva in maniera positiva. Occorre verificare e chiarire bene tutti gli aspetti di una vicenda che coinvolge da tempo tanti padri di famiglia che ogni giorno lavorano sodo per poter mantenere i propri congiunti. Vedremo quello che succederà”. L'incontro del 13 settembre è molto importante perché dal suo esito si potrà sapere se la disputa tra commercianti ambulanti e Comune di Civita Castellana, che tre anni fa fece molto scalpore, terminerà con la parola fine oppure continuerà ancora.