Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ricoverati all'Andosilla i genitoridel bimbo ucciso dal trattore

Paolo Di Basilio
  • a
  • a
  • a

Sono stati ricoverati all'ospedale Andosilla di Civita Castellana i genitori del bimbo ucciso dal trattore guidato dal padre sabato mattina a Collevecchio. Non si parlava di altro che di quella tragica fatalità, ieri mattina, tra gli abitanti di Collevecchio. Una piccola comunità quella del comune della Bassa Sabina al confine con la Tuscia, dove ci si conosce tutti e dove il tempo sembra essersi fermato intorno alle 8 di sabato 14 aprile. Un giorno in cui il sole era alto, Gianni Ledderucci stava effettuando un trattamento antiparassitario agli ulivi di fronte alla propria abitazione, in località San Prospero, nelle campagne tra Collevecchio, Magliano Sabina e Civita Castellana e poi la drammatica svista. (LEGGI QUI) Non è ancora chiaro come sia potuto accadere, fatto sta che Alessandro, un bambino di soli tre anni, che a quell'ora stava giocando nel piazzale davanti casa, si è avvicinato troppo a quel giunto cardanico che collegava il trattore in moto e la botte con la quale il padre stava medicando le piante e in pochi secondi è stato avvolto e sbattuto violentemente a terra in quella morsa vorticosa ed infernale. L'ipotesi è che Alessandro non abbia cercato ti afferrare il braccio meccanico ma che vi sia rimasto impigliato; sul giunto, infatti, i carabinieri hanno rinvenuto dei fili di tessuto rosso. La tragedia si è consumata rapidissimamente lasciando inermi sia il padre che la madre del piccolo, anche lei presente a casa in quel momento. Inutile la corsa dei sanitari, dell'ambulanza e dell'elicottero del 118, il corpo del piccolo Alessandro è stato dilaniato dal braccio meccanico. Sul posto sono poi giunti i carabinieri della Compagnia di Poggio Mirteto e il magistratodi turno che ha predisposto il sequestro sia del mezzo agricolo che del corpo del bambino. Un dramma per i genitori. Per entrambi a fronte del forte trauma subito, e in particolare per il padre cardiopatico, i sanitari hanno deciso per un trattamento sedante. Successivamente, sia la madre che il padre sono stati trasportati all'ospedale Andosilla di Civita Castellana.