Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Altri 42 ceramisti a spasso

default_image

Evandro Ceccarelli
  • a
  • a
  • a

Un'agonia senza fine quella del distretto ceramico di Civita Castellana. Dopo le vertenze Catalano e Flaminia, si apre il caso Vallelunga, altra storica azienda la cui vita volge al tramonto a causa della crisi economica, del cambiamento dei mercati e della mancanza di una seria politica di salvaguardia dell'area industriale di Civita Castellana. Si aprono infatti in queste ore le trattative per l'uscita di 42 lavoratori a causa della cessazione delle attività dell'azienda. Trattative finalizzate a trovare un escamotage che permetta a queste persone di poter continuare ad usufruire degli ammortizzatori sociali il più possibile. Già in cassintegrazione, i 42 lavoratori con l'apertura dello stato di mobilità, ossia dei licenziamenti sarebbero infatti destinati a un futuro, anche a breve termine, senza nessuna prospettiva.