Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Senza lavoro, tenta il suicidio: grave in ospedale

default_image

Andrea Niccolini
  • a
  • a
  • a

Ha tentato il suicidio perché non ne poteva più di stare senza lavoro e non sopportava di litigare continuamente con i propri cari. Ma qualcosa, nel disegno del 39enne è andato storto: proprio mentre stava fissando il cappio ad una trave è caduto dalla scala dall'altezza di tre metri battendo violentemente la testa. Adesso è ricoverato all'ospedale Belcolle, in prognosi riservata. A dare l'allarme, intorno alle 10 del mattino di martedì 3 giugno, è stato il padre del 39enne che ha trovato il figlio a terra, senza conoscenza, nei pressi di una rimessa per attrezzi che sta vicino all'abitazione di famiglia appena fuori l'abitato di Gallese. Poco più in là una scala e su, in alto, un cappio che pendeva da una trave. Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 che hanno fatto intervenire l'eliambulanza che ha trasportato l'uomo all'ospedale Belcolle dove è entrato al Pronto Soccorso con un codice rosso. I medici, poi, si sono riservati la prognosi.