Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Gli sbandieratori e musici Under 18 di Soriano nel Cimino campioni d'italia

Andrea Niccolini
  • a
  • a
  • a

Gli sbandieratori e musici Soriano nel Cimino si sono laureati miglior compagnia d'italia Under 18. Il gruppo viterbese ha vinto infatti l'ottava edizione della Parata Nazionale della Bandiera dedicata ai campionati giovanili promossa dalla Lega Italiana Sbandieratori e svoltasi a Pesaro dal 31 maggio al 2 giugno. La manifestazione sportiva è stata organizzata dal gruppo storico "La Pandolfaccia" di Fano in collaborazione con l'Apa (associazione pesarese albergatori), con il patrocinio del Comune di Pesaro e della Regione Marche. Circa 500 i ragazzi di età compresa tra i 7 e i 17 anni che hanno preso parte alle 133 gare disputate in piazza del Popolo e piazzale della Libertà, per un totale di 16 compagnie provenienti da otto regioni. A contendersi l'ambito titolo di Campioni d'Italia 2019 c'erano infatti gli sbandieratori e i musici di Amelia, Avigliano, Valmarina di Calenzano, Zeveto città di Chiari, Costigliole d'Asti, Fano, Gallicano, Legnano, Lucca - Contrada Sant'Anna in Piaggia, Lucera, Montefalco, Soriano nel Cimino, Foligno, Vigevano e Viterbo con il Gruppo storico musicale città di Viterbo e dell'associazione culturale “Pilastro”. Gli under del gruppo di Soriano nel Cimino si sono aggiudicati il primo posto nella combinata (la somma dei risultati delle varie gare), seguiti dalla compagnia Sbandieratrici e Gruppo Storico Musicale Città di Viterbo e dagli Alfieri e Musici della Valmarina di Calenzano, che si sono classificati terzi. “Abbiamo partecipato per la quinta volta a questa Parata Under 18 con un progetto nato nel 2015 a Soriano – dichiara soddisfatto Aquilino Mancinelli, presidente della compagnia Campione d'Italia - e investendo in un gruppo di ragazzi che sono stati seguiti in tutti questi anni con cura e dedizione per arrivare a risultati di eccellenza: nei quattro anni precedenti abbiamo conquistato due primi e due secondi posti. Di conseguenza siamo giunti a Pesaro con il favore dei pronostici ma anche con gli occhi di tutti puntati addosso, però consapevoli di aver lavorato molto durante l'inverno per arrivare a questi traguardi. Quindi ci aspettavamo buoni risultati, ma una vittoria così schiacciante era fuori da ogni più rosea previsione”.