Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

I risultati delle elezioni studentesche all'Unitus

Andrea Niccolini
  • a
  • a
  • a

Elezioni studentesche all'Università della Tuscia: la lista “Università dello studente” ha vinto aggiudicandosi tutti i ruoli principali di rappresentanza all'interno dell'ateneo. “Regeneration Unitus”, il gruppo di nuova formazione che quest'anno aveva il ruolo di sfidante, dovrà accontentarsi di partecipare alle riunioni dei singoli corsi accademici. “Siamo entusiasti di questo risultato e del lavoro svolto come squadra che ci ha permesso di conquistare tutti i posti in ballo per gli organi principali - commenta Emanuele Brodo di Us -, personalmente sono gratificato perché sono stato eletto al Consiglio di Amministrazione con oltre 500 preferenze. Ci siamo attivati per continuare il lavoro già intrapreso in passato, in primo luogo vogliamo risolvere i problemi del portale Gomp relativi all'inserimento dell'Isee e introdurre il pagamento della retta con una terza rata”. Us ha ottenuto il 66,50% delle preferenze per il Senato Accademico, dove sono stati eletti Leonardo Fiore con 246 voti, Vincenzo Pandolfi con 243 e Melissa Elefante con 155; per il Cda il 66,27% con l'elezione di Emanuele Brodo (558 voti); per il Nucleo di Valutazione il 61,8% (eletto Leonardo Castellani con 570 voti) e per il Comitato per lo sport universitario il 77,90% (eletti Mirko Bonuso con 529 voti e Emanuele Alcioni con 600). “Regeneration Unitus” ha ottenuto il 21,65% per il Senato Accademico, il 22,60% per il Cda e il 25,96% per il Nucleo di Valutazione, non ha quindi rappresentanti nei ruoli di governo universitario, ma solo all'interno dei diversi dipartimenti. “Abbiamo fatto entrare 9 persone sulle 20 complessive del nostro gruppo - commenta Andrea Lentini, rappresentante di Ra- essendo una nuova lista questo è comunque un risultato molto soddisfacente e ci auguriamo un miglioramento nella prossima tornata elettorale. Facciamo un in bocca al lupo a tutti partendo dal presupposto che il fine è quello della collaborazione per il bene dell'università, un interesse che dobbiamo avere in comune”. Il bilancio generale di queste elezioni è stato certamente positivo. Al contrario del recente passato, c'è stata una sfida tra due gruppi contrapposti e questo dibattito è riuscito a stimolare il confronto democratico. L'unico dato veramente negativo è stata la scarsa affluenza. Sono andati alle urne 1.367 studenti sugli 8