Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Perizia psichiatrica per l'attentatore di Santa Rosa

Una foto postata da Illarionov sul suo profilo facebook

Andrea Niccolini
  • a
  • a
  • a

Una perizia per stabilire la capacità di intendere di volere di Denis Illarionov, il venticinquenne di origine lettone, finito davanti alla Corte d'Assise per rispondere di attentato alla pubblica sicurezza e strage perhé accusato di aver lanciato un razzo contro la Macchina di Santa Rosa la sera del 3 settembre 2015 e aver progettato degli attentati contro degli asili di Viterbo. Ieri sono stati ascoltati gli ultimi testimoni della difesa e al termine dell'istruttoria la Corte d'Assise presieduta dal giudice Gaetano Mautone ha sciolto la riserva sulla richiesta avanzata a dicembre dal difensore di Illarionov, l'avvocato Vincenzo Comi, di predisporre una perizia psicologica e psichiatrica per valutare la sua capacità di intedere e di volere. A sostegno della richiesta il legale aveva presentato una relazione preliminare firmata dalla dottoressa Valentina Tannini che consigliava appunto un'analisi più approfondita sulla personalità del ragazzo. Dopo una breve camera di consiglio i giudici togati e gli otto giudici popolari hanno deciso di affidare la perizia. L'incarico sarà affidato formalmente al dottor Alessandro Giuliani di Terni nell'udienza del 22 febbraio.