Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

A Pasqua boom delle vendite di pesce

Andrea Niccolini
  • a
  • a
  • a

Per 2 italiani su 3 il venerdì santo è stato a base di pesce, nel rispetto della tradizione. E nel fine settimana di Pasqua i consumi di pesce hanno fatto registrare aumenti anche del 50%, con prezzi stabili rispetto allo scorso anno, per una spesa complessiva che sfiora i 250 milioni di euro. A illustrare i numeri , in base ad una rilevazione di Federcoopesca-Confcooperative, è Bruna Rossetti, Presidente di Confcooperative Lazio Nord. “Per i primi piatti a base di vongole, frutti di mare e crostacei - prosegue la Rossetti - si sono spesi 70 milioni di euro. Ai secondi a base di pesce è stata destinata una spesa di 180 milioni di euro”. Federcoopesca-Confcooperative ha inoltre stimato in tutto il periodo di Quaresima, un +30% nei consumi ittici, complice il bel tempo che ha favorito l'offerta sui mercati, in particolare di seppie e calamari, ideali nelle diete ipocaloriche, per il buon potere saziante e il basso contenuto di grassi.