Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbese battuta a RietiIl derby è diventato tabù

Esplora:

Alessio Deparri
  • a
  • a
  • a

La Viterbese perde ancora il derby con il Rieti, che invece torna a vincere davanti al proprio pubblico dopo due mesi, l'ultima volta è stata contro il Matera, per 4-0. La banda di Capuano fa il colpaccio e si aggiudica per 1-0 la sfida contro la Viterbese (gli amarantocelesti sono imbattuti tra i professionisti contro i gialloblù): a decidere è stato uno dei giocatori che incarna alla perfezione lo spirito di Eziolino, cioè Marchi. Gli amarantocelesti hanno messo in scena una delle loro migliori prestazioni, lottando su ogni palla, con abnegazione e pragmatismo, in campo tutti hanno aiutato tutti. Il Rieti da un segnale forte al campionato, perché questa squadra non vuole mollare assolutamente la categoria. LA PARTITA La Viterbese inizia subito forte, dopo appena 2 minuti gli viene annullato un gol per fuorigioco, concretizzato da Polidori.  Dopo 15 minuti di equilibrio in campo, Zanchi si inventa un lancio da metà campo per servire l'inserimento di Marchi, che stoppa, controlla la palla e di destro batte Valentini, Rieti avanti 1-0, dopo una bellissima azione. Calabro neanche alla mezz'ora spende un cambio, evidentemente qualcosa nella sua formazione non va: fuori Tsonev e dentro Pacilli. Ad un quarto d'ora dalla fine Marcone fa un super intervento su il tiro velenoso di Polidori, deviandola in corner. Alla ripresa Calabro cambia tutto: Viterbese con il 4-2-3-1, con Polidori unica punta. Al 13' Damiani perde palla nella metà campo, grazie anche al disturbo di Marchi, Cernigoi ne approfitta e corre per trovarsi davanti a Valentini ma, Damiani lo rincorre, gli strattona la maglia e Carella estrae il cartellino rosso, ospiti in 10, per fallo da ultimo uomo.  Dopo 24 minuti dal secondo tempo, Capuano fa le sue prime sostituzione, Maistro e Garofalo entrano per Carpani e Gondo. CALABRO  “Mi aspettavo un Rieti così, queste sono le qualità di Capuano e delle sue squadre. Partiamo bene e poi subiamo gol, anzi lo regaliamo, facciamo sempre questi errori. Oggi non ha funzionato quello che avevamo provato, loro hanno lottato su tutti i palloni. Abbiamo perso una partita come quella con il Siracusa, le partite te le complichi da solo”. CAPUANO “La vittoria ha un valore inestimabile. Abbiamo fatto 5 partite, conquistando 8 punti, siamo una squadra da primato. Avevamo studiato bene l'avversario, siamo stati bravi e non concedere nulla ad una macchina da guerra. Il nostro gol è preparato e provato durante la settimana e quando lo fai per noi allenatori è l'apoteosi, è orgasmo. Dietro nessuno molla, noi ancora non abbiamo fatto nulla, ma noi ci siamo. Solo una squadra in Italia gioca con i giovani, ed è il Rieti. Marchi me lo porto ovunque, è il mio prototipo in campo”. MARCHI “Facendo quello che ci dice il mister, possiamo fare bene. Dobbiamo lottare su ogni palla fino alla morte, dobbiamo essere orgogliosi del risultato, perché l'avversario è stato costruito per vincere. Io incarno quello che mi chiede il mister, e quando mi ha chiamato ho forzato per venire al Rieti per lavorare con lui, alla fine ci salveremo”. RIETI - VITERBESE 1-0  RETE 18' pt Marchi RIETI (3-5-2) Marcone - Delli Carri, Gigli (1' st Scardala), Zanchi - Brumat, Carpani (1' st Garofalo), Venancio, Marchi (1' st Palma), De Vito - Cernigoi (1' st Tommasone), Gondo (1' st Maistro) A disp. Costa, Mattia, Tiraferri, Grillo, Gualtieri, Konate, Svidercoschi All. Capuano VITERBESE (3-5-2) Valentini - Atanasov, Rinaldi, Sini (1' st Zerbin) - De Giorgi, Palermo, Damiani, Tsonev (1' st Pacilli), Mignanelli (1' st Molinaro) - Vandeputte (1' st Luppi), Polidori (1' st Ngissah) A disp. Demba, Cenciarelli, Coda, Sparandeo, Milillo, Coppola, Artioli All. Calabro ARBITRO Carella di Bari NOTE spettatori 1.000 circa. Espulsi al 13' st Damiani (V) per fallo da ultimo uomo e al 49' st Coda (V) per proteste. Ammoniti: Carpani, Marcone (R); Sini, Mignanelli, Atanasov, Palermo (V). Angoli 1-13. Recupero: 3' pt; 6' st