Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

La Flaminia sfida la Masseseper tornare a sorridere

default_image

Paolo Di Basilio
  • a
  • a
  • a

Trasferta insidiosa per la Flaminia Civita Castellana, domenica 23 novembre (ore 14,30) all'ostica Massese. Soltanto 3 sono i punti che separano le due formazioni in classifica, con i rossoblù fermi ormai da 2 turni a quota 19, complice la mini-serie di 2 sconfitte consecutive contro Spoleto e Gavorrano. E sarà proprio quello di riuscire ad espugnare per la prima volta lo “Stadio degli Oliveti” l'obiettivo di Polidori e compagni, i quali, dopo l'amaro esito del match col Gavorrano, giungono all'appuntamento col dente avvelenato, e con la dichiarata intenzione di riuscire a ritrovare quel successo atteso in casa viterbese da ben 3 giornate. Nessun cambio radicale di formazione per mister Lillo Puccica, pronto a schierare anche quest'oggi l'abituale 4-3-3 che vedrà il ‘96 Palombi tra i pali, il nipponico Tashiro (chiamato a sostituire Pieri), Bricchetti, Gasperini e Cota a formare la retroguardia, il terzetto Scortichini-Buono-Greco sulla mediana e l'intoccabile tridente con Maretinozzi, Polidori e Sciamanna incaricato di far gol. Centrocampo tutto da ridisegnare, invece, per il tecnico toscano Danesi, che dovrà fare i conti con le pesanti squalifiche di Rosaia e Remorini. In ballo, sul fronte bianconero, sarà quindi anche la scelta del modulo di gioco, in bilico tra il 4-4-2 ed il più spregiudicato 4-3-3 visto nelle ultime apparizioni. COSI IN CAMPO  MASSESE (4-3-3) Barsottini; Cinquini, Parenti, Milianti, Anedda; Campinoti, Cargiolli, Taddei; Crafa, Fusco, Del Nero. A disp.: Torre, Lorenzini, Bugliani, Perinelli, Angeli, Menchini, Ceccarelli, Bertelloni, Zambarda. All.: Danesi. FLAMINIA CIVITA CASTELLANA (4-3-3) Palombi; Tashiro, Bricchetti, Gasperini, Cota; Scortichini, Buono, Greco; Martinozzi, Polidori, Sciamanna. A disp.: Nasti, Simmi, De Palma, Macrì, D'Amico, Sette, Puccica, Kanku, Monteforte. All.: Puccica. ARBITRO Melelo di Casarano (collaboratori: Petralli di Crema e Manara di Cremona).