Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Duecento posti nel nuovo porto

Paolo Di Basilio
  • a
  • a
  • a

Finalmente riapre il nuovo porto. Una notizia clamorosa, attesa da anni e diffusa ieri dal sindaco Maurizio Lacchini, per la gioia soprattutto degli operatori commerciali del paese. Lacchini spiega che la struttura riaprirà fra qualche giorno e che la sua gestione sarà affidata alla Fidal Nautica. La ditta vincitrice dell'appalto si occuperà dei lavori, per togliere l'insabbiamento all'entrata e all'uscita del porto e rendere fruibile tutta l'area che si trova vicino all'imbocco del fiume Marta. La Regione Lazio, grazie anche all'interessamento del consigliere regionale, Enrico Panunzi, ha concesso 200 posti barca che a breve verranno occupati. In settimana, come affermato dal sindaco Lacchini, si darà subito la priorità all'accatastamento dei tre porti, incluso quello in località Pontone. Una situazione quella del nuovo porto di Marta, che ha vissuto alterne vicende che sembra si stiano sboccando, lasciando uno spiraglio aperto fra le nebbie che si erano addensate sulla vicenda, a causa degli avvisi di garanzia recapitati ad alcuni membri dell'amministrazione comunale ancora non del tutto risolte. In paese comunque, non si parla d'altro ed è quasi certo che a fine mese, il nuovo porto, tornerà a svolgere il suo ruolo con 200 barche in arrivo, una gestione come si deve e una messa in sicurezza per quanto riguarda il dragaggio della sabbia che sta paralizzando, almeno in parte, l'entrata delle imbarcazioni. Una boccata di ossigeno (per il paese), a livello economico, che porterà dei benefici ad una cittadina lacuale da anni penalizzata proprio per lo stop a questo nuovo porto. Sicuramente a guadagnarci sarà tutta la cittadinanza, in particolare ristoranti, bar, pizzerie ed attività commerciali, in quanto si sa che 200 posti barca moltiplicati per quattro posti ciascuna, faranno arrivare in paese mediamente 800 persone, che di sicuro spenderanno diversi euro per acquisti, ristoro ed altro, facendo decollare almeno si spera, un'economia da anni stagnante. Il sindaco ringrazia pubblicamente ringrazia la Regione Lazio e il consigliere Enrico Panunzi.