Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Rifiuti, l'appalto "ponte" è salvo

Paolo Di Basilio
  • a
  • a
  • a

Ammonta a 10 milioni e 620 mila euro l'appalto ponte per la raccolta dei rifiuti approvato dalla giunta comunale. Costerà 187 mila euro in più rispetto a quanto il Comune ha speso per l'igiene urbana lo scorso anno, con la differenza però che il nuovo capitolato prevede tutta una serie di servizi, a cominciare dallo spazzamento quotidiano delle strade del centro storico, non contemplati nel precedente appalto. Il sindaco Arena, nonostante una giunta a ranghi ridotti e una maggioranza ancora in fibrillazione per il noto braccio di ferro tra Lega e Fratelli d'Italia sul caso Nunzi, è riuscito a scongiurare in extremis l'esplosione della grana rifiuti alla vigilia della scadenza della proroga del contratto alla Viterbo Ambiente. "L'appalto ponte durerà un anno - spiega il primo cittadino -  e prevede diverse migliorie rispetto al capitolato precedente: lo spazzamento delle strade del centro storico tutti i giorni, anziché due volte a settimana, la pulizia sistematica delle caditoie, per un totale di 17 mila passaggi contro i 5 mila del passato e anche il potenziamento dello sfalcio dell'erba". Dentro il contratto è finita pure la pulizia del guano dei piccioni, anch'essa non contemplato nell'ultimo appalto e che lo scorso anno era costata al Comune il pagamento alla Viterbo Ambiente di servizi aggiuntivi. ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DI VITERBO E NELL'EDICOLA DIGITALE