La Provincia: "Con i soldi dei tutor tapperemo le buche"

Viterbo

La Provincia: "Con i soldi dei tutor tapperemo le buche"

09.03.2015 - 16:40

0

“A differenza degli autovelox, che sono una tassa mascherata, i tutor non servono per fare cassa ma per garantire la sicurezza degli automobilisti. E i soldi che la Provincia incasserà saranno destinati alla manutenzione delle strade”.
Questa la risposta del presidente della Provincia Marcello Meroi e dell’assessore alla viabilità Giuseppe Talucci Peruzzi, stamani in conferenza stampa, alle polemiche sui tutor in arrivo (ma i tempi, come ammesso dal dirigente Alberto Pecorelli, non saranno brevissimi) su cinque strade provinciali, tra quelle indicate dalla prefettura come le più pericolose della Tuscia: Cimina (dal km 2.000 al 3.750), Verentana (dal km 16.300 al 18.500), Tuscanese (dal km 17.000 al 21.000), Teverina (dal km 5.000 al km 7.000), Nepesina (dal km 13.000 al 14.400). Su quest’ultima il tutor è già entrato in funzione in via sperimentale a dicembre.
I tutor misureraranno la velocità media tra due punti, la cui distanza sarà al massimo di un paio di km, e saranno preceduti da segnali di avvertimento.
“L’automobilista che si accorgerà di aver superato il limite avrà quindi tutto il tempo, prima del secondo tutor, di moderare la velocità evitando la multa”.
All’epoca in cui era deputato, Meroi fu promotore di una proposta di legge per mettere al bando gli autovelox: “Non ho cambiato idea rispetto ad allora – ha sottolineato – I tutor sono tutt’altra cosa, non servono per fare imboscate agli automobilisti, come quelle che vediamo sulla supestrada Orte-Civitavecchia, con le pattuglie nascoste dietro le siepi”.
E’ toccato al dirigente Pecorelli addentrarsi nei particolari tecnici del bando europeo. Mercoledì prossimo si riunirà la commissione di valutazione per verificare le offerte. Anzi, l’offerta, visto che ha partecipato alla gara un’unica ditta. Serviranno alcuni mesi, ha spiegato Pecorelli, prima di vedere i tutor in azione sulle strade. Per allora l’amministrazione Meroi sarà già morta e sepolta. Di qui i dubbi sollevati da più parti sull’opportunità di questa operazione: “Ci auguriamo che chi verrà dopo di noi porti avanti il progetto, visto che la nuova Provincia manterrà la competenza sulle strade e che per risistemare l’intera rete servirebbero 100 milioni di euro”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Caffeina, divorzio da Viterbo: il Christmas Village emigra

Cultura

Caffeina, divorzio da Viterbo: il Christmas Village emigra

''Non ci sono le condizioni per fare il Christmas Village a Viterbo anche per il 2019". Caffeina prende cappello e va in esilio. Il presidente della Fondazione Carlo Rovelli, ...

08.09.2019

Francesca Lotta vince il premio dedicato a Mia Martini

SUTRI

Francesca Lotta vince il premio dedicato a Mia Martini

La splendida voce di Sutri, quella di Francesca Lotta, ha vinto la quinta edizione del Premio “Mimi Sarà” per la categoria over 40. La finale si è svolta domenica scorsa a ...

05.09.2019

Santa Rosa

PILASTRO

Il trasporto
della Minimacchina

Il trasporto della Minimacchina di Santa Barbara

25.08.2019