Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Viterbo, il primo giorno di mercato al Carmine è un flop: gli ambulanti restano al Sacrario e protestano

Paolo Di Basilio
  • a
  • a
  • a

Il primo sabato del mercato settimanale al Carmine è stato un flop. Gli ambulanti hanno disertato la nuova location individuata in via sperimentale dal Comune e protestato nel parcheggio del Sacrario, sede storica del mercato, da dove non hanno alcuna intenzione di andarsene: “Per lo meno non al Salamaro. Trasferirsi lì per noi significherebbe decretare la morte delle nostre attività e per questo non ci andremo mai. Un conto è restare al centro storico, in via Marconi, piazza della Rocca o piazza del Teatro, un altro è andarsene fuori le mura. Il Carmine è troppo lontano e la gente che di solito viene al mercato non ci va. Lo ribadiamo ancora una volta al sindaco e l'assessore Alessia Mancini: noi al Carmine non ci andremo mai”. Per scongiurare il rischio che lo spostamento sperimentale al Carmine non diventi permanente, gli ambulanti hanno raccolto oltre mille firme che poi consegneranno al sindaco Arena: “Finora abbiamo 1.200 firme. Anche i cittadini e soprattutto i commercianti del centro dicono no allo spostamento. Il sindaco ci ha detto che non poteva venire stamattina (ieri mattina, ndr) per altri impegni: ci aveva detto che avrebbe mandato l'assessore al Commercio”. La Mancini, però, ha alzato un muro, alto tanto quanto quello degli ambulanti: “Che ci vengo a fare al Sacrario? - ha replicato -. Con gli ambulanti e le associazioni di categoria che li rappresentano, Confesercenti e Confimprese, ci siamo già visti martedì scorso e sto ancora aspettando che mi facciano alcune controproposte su un altro luogo”. Sul flop dello spostamento del mercato, la Mancini ha aggiunto: “Stamani (ieri, ndr) al Carmine c'erano dieci ambulanti ma poi di fatto sono stati convinti ad andarsene. I commercianti che vengono dalla Campania avevano montato i loro banchi ma poi se ne sono andati. Sono rimasti i tre che ci sono di solito”. Per approfondire leggi anche: Mercato al Carmine, la rivolta degli ambulanti La risposta dei commercianti non si è fatta attendere: “Non è vero che siamo andati in dieci. Non abbiamo montato nulla. Abbiamo controllato l'area, ma abbiamo preso atto delle difficoltà a disporci: non c'è spazio, si deve salire sui marciapiedi. Così ce ne siamo andati e siamo qui a protestare”. Un ambulante campano è arrivato a promettere che “se sabato prossimo le cose non cambieranno, verrò qui al parcheggio del Sacrario e mi piazzerò nel posto a me assegnato da tempo: mi dovranno mandare via con la forza e se vogliono arrestarmi lo facciano pure”. Insieme agli ambulanti a protestare c'erano i sindacalisti di categoria: il presidente dell'Anva Confesercenti Giulio Terri, il numero uno della Confesercenti Vincenzo Peparello e il segretario di Confimprese Giancarlo Bandini. I quali hanno sottolineato che “la delibera di giunta numero 33/2020 del 4 febbraio - con cui si sposta il mercato dal parcheggio di piazza Martiri d'Ungheria al Carmine - non risulta pubblicata sull'Albo pretorio comunale, come previsto dalla normativa. Quindi non abbiamo potuto verificarne la forma e i contenuti”. Insomma, gli ambulanti contestano l'operato della maggioranza sia nel merito (“No al Carmine”) che nel metodo: “Hanno preparato il cambiamento senza che noi potessimo condividere questa scelta. Il Carmine ci è stato imposto. Poi, l'assessore Mancini ci ha detto che ci sarebbe anche l'opzione Riello, ma abbiamo risposto picche. Noi vogliamo restare nel centro storico, dove si fa da sempre il mercato settimanale”. Per approfondire leggi anche: Sosta selvaggia al Sacrario durante il mercato Anche la capogruppo consiliare Pd Luisa Ciambella si trovava al Sacrario già alle 8: “Il mercato al Carmine è stato un flop dovuto all'arroganza della giunta Arena contro 70 ambulanti. Non c'è stato un percorso condiviso. E poi è anche un disservizio verso i cittadini. L'obiettivo di Arena e altri è togliere di mezzo il mercato. Il luogo adatto sarebbe Valle Faul: il mercato resterebbe nel centro e ci sarebbe a disposizione il nuovo parcheggio fuori la porta di Faul, vicino alla rotatoria. La maggioranza ha voluto fare una sorta di spot elettorale sulla pelle degli ambulanti e dei cittadini”. A breve dovrebbero tenersi altri incontri tra giunta Arena e ambulanti. Ma il muro contro muro è una realtà.