Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Scuola, mancano otto presidi

Paolo Di Basilio
  • a
  • a
  • a

Completato, o quasi, il puzzle dei dirigenti scolastici negli istituti viterbesi. Scriviamo quasi perché le ultime nomine appena stabilite dall'Ufficio scolastico regionale lasciano comunque scoperte diverse scuole, che saranno affidate a reggenti. Sono 4 i nuovi presidi, vincitori dell'ultimo concorso, su un totale di 106 nel Lazio, che prenderanno servizio negli istituti viterbesi di assegnazione dal 1° settembre. Si tratta di Deborah Puntel, che andrà a dirigere l'istituto comprensivo Scriattoli di Vetralla, Valeria Monacelli che guiderà l'Ic Fantappiè di Viterbo, Giuseppina Agostino per la quale si spalancano le porte dell'Ic Pietro Vanni sempre di Viterbo e Stefania Geremicca, nominata a capo del Canevari, ancora nel capoluogo. Restano ancora vacanti le dirigenze di otto istituti, che come detto saranno affidati a reggenti: il Pio Fedi di Grotte Santo Stefano, l'Ic di Montefiascone, l'Ic Carmine di Viterbo, il Ridolfi di Tuscania, l'Ic di Bassano Romano, l'Ic di Grotte di Castro, l'Ic di Capranica e il XXV Aprile di Civita Castellana. A guidare quest'ultimo, stando alle voci, potrebbe essere lo stesso Alfonso Francocci, appena “promosso” alla guida dell'istituto superiore Midossi al posto del preside Franco Chericoni, andato in pensione. Considerata l'importanza della scuola - che tra l'altro vanta uno dei più alti tassi di alunni stranieri della provincia e che comprende anche la media di Faleria e le primarie di Calcata e Faleria - il vicesindaco di Civita Castellana Alberto Cataldi ha scritto una lettera al Miur e all'Ufficio scolastico regionale per esprimere le proprie preoccupazioni e quelle dei genitori. “Ritengo doveroso segnalare - ha scritto Cataldi - che una eventuale reggenza dello stesso potrebbe comportare notevoli disagi per gli alunni frequentanti le scuole ad esso afferenti. Sottolineo inoltre che è un istituto storico della cittadina con il maggior numero di iscritti di figli di immigrati, ed è da molto tempo ormai un collettore di integrazione sociale”. Gli ultimi quattro dirigenti nominati vanno ad aggiungersi ai cinque incarichi già assegnati a luglio con i trasferimenti. Ricordiamoli: Maria Antonietta Biagiola, già dirigente dell'Ic di Vignanello, va a sostituire Maria Antonietta Bentivegna, in pensione da quest'anno, al timone dello storico liceo scientifico Ruffini di Viterbo. Il civitonico Francocci, come detto, passa dalla XXV Aprile al Midossi (uno degli istituti più ambiti e più grandi della provincia con sedi anche a Vignanello e a Nepi), mentre la viterbese Paola Bugiotti (fresca di passaggio anche da Forza Italia alla Lega) dal Canevari andrà a sostuire un'altra illustre pensionanda, Maria Patrizia Gaddi, alla guida dell'Istituto tecnico commerciale Paolo Savi. All'Istituto comprensivo di Vignanello, al posto della Biagiola, è approdata Pierina Pelliccioni, mentre a dirigere l'Ic di Ronciglione sarà infine Stefania Zega, che lascia, salvo incarico di reggenza, quello di Capranica.