Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sara Corbo vice campionessad'Italia a soli 14 anni

Il combattimento di Sara Corbo

Alessio Deparri
  • a
  • a
  • a

Sara Corbo vince a soli 14 anni il titolo di vice campionessa italiana di Judo Under 18. L'ultima perla, in ordine cronologico, dell'atleta viterbese al Pala Fijlkam di Ostia dove si è tenuta la fase finale dei campionati Italiani di Judo Under 18. La manifestazione ammette solo ed esclusivamente atleti che possono accedere per ottimo posizionamento in ranking list nazionale, medagliati delle passate edizioni, oppure fasi di qualificazioni su scala regionale: in poche parole è la competizione più selettiva della Fijlkam, unica tra le tante federazioni delle arti marziali ad essere riconosciuta dal ConiI e dal Cio ai fini del percorso olimpico. La viterbese Sara Corbo, campionessa italiana in carica Under 15, titolo conseguito appena il 3 dicembre scorso, ha avuto accesso di diritto, cimentandosi con ben 49 atlete nella categoria  -63 kg. Senza essere intimorita da un cambio di classe di età che la porta a competere con atlete anche di 3 anni più grandi ed esperte, ha messo a segno una performance che rasenta la perfezione tecnica ed agonistica, emerse nella condotta e nella strategia di gara. A 15 anni ancora da compiere infatti, ha inanellato incontro dopo incontro, di cui molti vinti per ippon (il ko del Judo) l'accesso alla finale. Purtroppo un punto subito nei primi 30 secondi ha condizionato l'esito dell'incontro decisivo per il titolo italiano e ha permesso ad un'atleta italo brasiliana di conquistare il titolo. I numeri che l'atleta viterbese può vantare cominciano ad essere di assoluta rilevanza: tre finali di campionato italiano, centrate con due ori e un argento; ha chiuso il 2018 con una imbattibilità che durava da 14 mesi; già terza nella ranking list under 18 dopo pochi mesi dal suo ingresso ufficiale nella nuova classe di età. Ha saggiato l'esperienza della prima convocazione da parte della nazionale Under 18 come “osservata” della classe 2004. Dopo tali numeri arriva forse il riconoscimento più grande che un'atleta agonista possa avere nel Judo; la cintura nera, un traguardo che nella Fijlkam-Coni si può conseguire solo a 18 anni per punteggi accumulati nelle diverse competizioni. L'unica eccezione prevista, per il percorso agonistico è di arrivare al podio in una competizione under 18 e Sara Corbo ha raggiunto questo traguardo a 14 anni. La vita di un'agonista come la giovanissima campionessa viterbese prevede sforzi e impegni che ormai quasi quotidianamente la proiettano tra Pomezia e il Centro olimpico di Ostia per gli allenamenti e in tutta Italia ed Europa per le trasferte agonistiche. Sara, che frequenta il Liceo Scientifico Sportivo “Paolo Ruffini” di Viterbo, riesce a conciliare l'impegno scolastico con quello agonistico grazie anche ad un progetto siglato tra Miur e Coni e a cui il mondo dello sport guarda con grande interesse, ossia quello relativo alla Sperimentazione per atleti di alto livello. Progetto a cui il liceo viterbese e la società sportiva di Sara Corbo, la Nippon Club, hanno aderito.