Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

L'Ortoetruria Carbognano spazza via il Forte Colleferro

Alessio Deparri
  • a
  • a
  • a

FORTE COLLEFERRO-ORTOETRURIA CARBOGNANO 0-5 RETI 3 Nunzi, 2 Carosi Affermazione spettacolare e netta dell'Ortoetruria Carbognano. Nella trasferta di Colleferro la squadra di Cervigni è stata praticamente perfetta, espugnando il campo della Forte con un rotondo 0-5. Prestazione sul livello della settima scorsa: i cimini sono stati determinati e concentrati, bravi a gestire tutti i vari momenti dell'incontro. Assenti per squalifica Ciarrocchi e Ouafiq, a mezzo servizio capitan Morandi per una noia muscolare e con qualche acciacco influenzale a condizionare la settimana di allenamento. Nonostante tutto ciò, i cimini hanno condotto in porto tre punti fondamentali con grandissima personalità. Non era una gara semplice. Colleferro in campo per la salvezza, in un match per loro davvero da vincere a tutti i costi. Carbognano in campo per chiudere virtualmente il discorso salvezza e per sognare qualcosa di più. Per approfondire leggi anche: Pari del Carbognano contro il Real Terracina Tanta adrenalina e tante motivazioni. Ne scaturisce un primo tempo di equilibrio, con un Carbognano attento a non concedere alla Forte ed alla ricerca della conduzione della partita in fase di possesso. Le occasioni nascono da alcune sbavature difensive di casa ed ospiti, ma il parziale non si schioda dallo 0-0. L'episodio che rompe lo score, avviene a 3' effettivi dalla fine della frazione: capitan Morandi assiste con una palla geniale bomber Nunzi che, freddissimo, controlla di petto e scavalca con un sontuoso pallonetto il portiere di casa: 0-1. La rete colpisce la Forte che rischia subito di capitolare di nuovo: Bernal però, non  è lucido di fronte alla palla sciupando una ghiotta occasione. Lo spavento più grande di tutta la gara per i cimini giunge proprio sulla sirena, con un palo colpito dalla distanza dal capitano del Colleferro.  Primo tempo 0-1. Nella ripresa, il Carbognano che scende in campo è davvero da manuale. Distanze giuste in tutte le fasi, grande applicazione su tutti i palloni e pallino del gioco in fase di possesso. Il match sposta definitivamente l'inerzia in favore dei gialloverdi ed il secondo e terzo goal sono la conseguenza di ciò. Nei primi 10' effettivi, il raddoppio è siglato ancora da Nunzi che, a porta vuota, realizza al volo concludendo una gran giocata del binomio Morandi - Stefano Carosi. E poco dopo la terza marcatura: è il dieci, Valerio Carosi, a ricevere da Bernal, saltare un uomo ed a porre la palla nel sacco. La Forte, in grande difficoltà, prova subito il portiere di movimento, ma l'Ortoetruria Carbognano è ordinatissimo e non subisce nulla. Anzi, in fase di possesso, la squadra di Cervigni continua ad essere letale. A 7' dalla fine, Galanti si traveste da funambolo e salta sulla linea laterale due avversari: la giocata pazzesca viene condita da un assist al bacio per Nunzi che deve solo spingere in rete, per la sua tripletta e per lo 0 a 4. Un disastro per il Colleferro, l'apoteosi per il Carbognano Sulle ali dell'entusiasmo, giunge il pokerissimo: Valerio Carosi riparte a campo aperto nell'uno contro uno, salta agevolmente il proprio marcatore e scarica un mancino micidiale sotto il set. E' 0-5, è il mattone finale sulla contesa. Negli ultimi 5' effettivi, c'è spazio per l'esordio del classe 2001, carbognanese doc, Lorenzo Brunetti, bravissimo nell'approccio e nella gara (sfiorerà anche il gol colpendo un palo). Finisce cosi: 0-5 ed applausi a scena aperta per questi ragazzi che, a gennaio, con tre mesi di anticipo, sono praticamente salvi (+14 sulla zona calda), anche se ancora non c'è matematica per cui vale la pena andar cauti. Impresa vera, in un campionato dove la squadra gialloverde gioca sempre in trasferta, non avendo l'opportunità di allenarsi al PalaCus, fortunatamente comunque coccolati con grande affetto al centro sportivo "La Paradisa" di Caprarola. Ora, sabato i cimini effettueranno il proprio turno di riposo da calendario e poi si caleranno a tutto Gas nel resto del girone di ritorno. Sognare non costa nulla: in una grande ammucchiata play off, al momento infatti, spuntano anche i colori giallo e verde dei nostri, a soli due punti dall'ultima piazza che vale la post season per l'A2. Senza troppi pensieri e calcoli, perché non provare a dar noia fino in fondo?