Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Viterbo, sit-in a Civita di Bagnoregio: "Serve moratoria impianti rinnovabili". Sgarbi: "Vincolo su tutta la Tuscia" | Foto | Video

  • a
  • a
  • a

“Serve una moratoria delle autorizzazioni per le energie rinnovabili”. Lo ha ripetuto la consigliera comunale del Pd Luisa Ciambella durante l’evento SaveTuscia che si è svolto nel pomeriggio di ieri, 3 luglio,  al belvedere di Civita di Bagnoregio. “La Tuscia è sotto assedio con richieste di autorizzazioni di impianti fotovoltaici ed eolici, compresa questa valle. I sindaci devono reagire ma devono avere il tempo di pianificare lo sviluppo di questo tipo di impianti”. Per questo la moratoria serve proprio per dare tempo ai Comuni di dotarsi di questi strumenti.

 

 

Pubblicato da Luisa Ciambella su Sabato 3 luglio 2021

 

Un appello, quello di Luisa Ciambella, che è stato raccolto dal sindaco di Sutri Vittorio Sgarbi che doveva essere presente ma che, a causa di un malessere, ha dovuto dare forfait. Tuttavia si è collegato telefonicamente: “Serve una battaglia totale contro chi vuole distruggere la bellezza in nome di una falsa energia pulita. La transizione ecologica e la transizione degli idioti”. Dunque per Sgarbi serve “un vincolo per tutelare tutta la Tuscia e impedire la distruzione del paesaggio”. Poi ha parlato, in maniera colorita, del progetto per le pale eoliche a Tuscania (“Se le devono mettere in c...”). Dunque il sindaco ha inviato a una battaglia radicale contro questi progetti. “Con questa gente non si tratta”. “Non siamo contro le rinnovabili ma il territorio deve poter gestire la tutela del paesaggio”, ha ribadito Luisa Ciambella.

 

Grazie a tutti #saveTUSCIA

Pubblicato da Luisa Ciambella su Sabato 3 luglio 2021

 

Durante il pomeriggio sono intervenuti Adrian Moss, presidente di Italia Nostra Viterbo-Tuscia, Giovanni De Caro, delegato nazionale di Aios (Associazione interforze osservatori sicurezza protezione civile), Donata Pacces, presidente di AssoTuscania, Francesco Cozza Caposavi, vice presidente del Consorzio turistico lago di Bolsena, Stefano Aluffi Pentini per il comitato Verde Tuscia, Giorgio Grani, presidente Anga giovani Confagricoltura Viterbo Rieti e Monica Tommasi per Amici della Terra, Bengasi Battisti per conto dei comitati che si battono contro il deposito delle scorie nella Tuscia.