Agnès Varda e JR: cinema e arte nella Francia profonda

Milano, in Fond. Prada anteprima del film "Visages, Villages"

13.03.2018 - 08:30

0

Milano (askanews) - Un viaggio attraverso la Francia, i suoi volti e le sue storie minori, per raccontare, a più livelli, il cinema e l'arte, ma soprattutto le persone, le storie individuali, le battaglie che ancora si possono combattere anche grazie a un film. "Visages, Villages", presentato in anteprima in Fondazione Prada a Milano, è firmato a quattro mani dal fotografo e artista JR insieme a un vero e proprio mito del cinema coma la regista Agnès Varda.

"L'idea di rimettere assieme i materiali - ha detto Varda ad askanews - dopo avere ascoltato e condiviso le storie, appartiene a entrambi, quindi non abbiamo avuto alcun problema a lavorare insieme. E per me è la prima volta, perché ho sempre fatto i miei film da sola".

La pellicola, distribuita in Italia dalla Cineteca di Bologna e presentata al 70esimo Festival di Cannes, parla molti linguaggi: quello della fotografia su larga scala di JR - presente a Milano solo sotto forma di sagoma cartonata - quello del cinema ovviamente, ma anche quello del corpo dei due artisti e della scrittura, molto forte, che sostiene il lavoro. Ma Agnès Varda ne aggiunge un altro: "Il linguaggio delle persone, che è molto interessante, le loro parole, le loro parole libere".

E il risultato è corale e intimo al tempo stesso, documentativo, ma anche profondamente narrativo, perfino talvolta visionario, vicino alle persone senza cedere sul piano più intensamente cinematografico. E Agnès Varda rivendica la validità del metodo del collage.

"Ogni persona - ha aggiunto la regista che a maggio festeggerà i 90 anni - è un universo intero, e rappresenta un pezzo della società e dunque nella fabbrica, nelle campagne, nelle fattorie... Abbiamo messo insieme questi elemento come giocando a un puzzle per costruire un'immagine, e credo che sia un'immagine relativa della Francia profonda, della Francia silenziosa, senza potere e operosa".

Il film svela alcuni metodi di lavoro di JR e mostra la consapevolezza della regista sia nell'attingere alla storia del cinema, sia nel mettersi a nudo in modi credibili, insieme al proprio inconsueto compagno d'avventura. E il film appare così "vero", pur sapendo noi tutti chiaramente che il cinema è ben altro rispetto alla realtà.

"Non c'è contraddizione - ha concluso Agnès Varda - ma c'è il desiderio di utilizzare la materia del cinema, la sua sintassi, per trasmettere la realtà. Per definizione le immagini del cinema sono realiste, quindi per uscire dalla realtà immediata abbiamo costruito un tema secondario: il rapporto tra me e JR, che siamo due individui diversi. Così abbiamo messo una distanza il film e la semplice sociologia. Perché la verità di quello che abbiamo filmato risponde alla verità dei lavoratori, dei contadini. Il tessuto del film è una verità, non la verità".

"Visages, Villages", già candidato all'Oscar come migliore documentario, esce nelle sale italiane il 15 marzo.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Altro

Borse positive, corre Bper ma frena Fca

Le Borse europee chiudono in rialzo. Riflettori puntati sulla riunione dei Paesi Opec: è stato deciso all'unanimità un aumento della produzione fino a un milione di barili al giorno. A fine seduta a Milano guadagna lo 0,99%, spread in calo. Maglia rosa per Londra +1,67%, positive le piazze di Parigi +1,34% e Francoforte +0,54%. A Piazza Affari corre Bper +7,36% dopo che il gruppo Unipol ha ...

 
Lincei: giovani e relazioni internazionali tra priorità Accademia

Lincei: giovani e relazioni internazionali tra priorità Accademia

Roma, (askanews) - Si è chiuso oggi a Palazzo Corsini, alla presenza del capo dello Stato Sergio Mattarella, il 415esimo Anno Accademico dei Lincei, la più antica Accademia del mondo. L'Adunanza solenne si è aperta con la relazione del presidente Alberto Quadrio Curzio sull'attività svolta nell'Anno Accademico 2017-2018 e nel triennio 2015-2018 che lo ha visto alla guida della prestigiosa ...

 
Il mondo della musica piange il maestro Caruso

lutto

Il mondo della musica piange il maestro Caruso

È morto all'età di 82 anni Pippo Caruso, maestro e direttore d'orchestra noto per aver preso parte a numerosi programmi televisivi di successo al fianco di Pippo Baudo, di ...

29.05.2018

È morto Fabrizio Frizzi

LUTTO NELLO SPETTACOLO

È morto Fabrizio Frizzi

Fabrizio Frizzi è morto nella notte per una emorragia cerebrale. Il popolare conduttore televisivo aveva 60 anni.

26.03.2018

Il Festival al duo Meta-Moro

Sanremo

Il Festival al duo Meta-Moro

I vincitori della 68esima edizione del Festival di Sanremo sono Ermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone "Non mi avete fatto niente". Al secondo posto Lo Stato sociale con ...

11.02.2018