Il poker come emblema della cattiveria umana in Regalo di Natale

Lo spettacolo in scena al Teatro Manzoni di Milano

12.01.2018 - 20:00

0

Milano (askanews) - Il gioco, l'amicizia, l'azzardo, la cattiveria, le bugie. A più di trent'anni dall'uscita del film "Regalo di Natale" di Pupi Avati, la storia, più attuale che mai, torna a teatro in scena al Manzoni di Milano, come racconta Gigio Alberti uno dei protagonisti.

"Quattro amici che si ritrovano per una partita di poker la sera di Natale con un ospite, un pollo da spennare, che non è così contento di farsi spennare e cercherà di spennare gli altri. I quattro che sembravano così amici, non sono così amici...questo è il sunto dello spettacolo".

Uno spettacolo sul poker, sull'amicizia tradita e sulle relazioni umane, non più ambientato negli anni '80 ma ai giorni nostri come spiegano Filippo Dini e Valerio Santoro.

"Si parla delle crisi, tutti i personaggi di questa storia sono vittime della crisi economica. L'atmosfera quindi è un po' diversa da quella in cui era immerso il film. In realtà non siamo cattivi, ognuno di questi personaggi ha il desiderio di rifarsi una vita che in qualche mondo è andata in un modo che non è quello desiderato".

"A maggior ragione oggi ritroviamo nella crisi economica quella disperazione di questi quarantenni ancora più profonda e quindi trova ancora più riscontro nella società contemporanea, perchè la crisi di oggi non è quella degli anni '80 in cui è fatto il film".

La storia, attorno al tavolo verde, ha tinte noir ma anche la leggerezza della commedia, risate amare come amara può essere la commedia della vita con i suoi rischi di cui il poker è emblema perfetto. Una serie di divertenti colpi di scena immergono il pubblico in un mondo dove la perfidia e il tradimento sembrano vincere su tutto.

"Pian pianino dell'armadio cominciano a uscire i cadaveri che non ti aspetti e sono sempre delle sorprese, delle volte amare. Il mio ruolo è quello della sorpresa amara, la più amara di tutte. Quest'uomo che sembra abbastanza schifoso e innocuo in realtà rivelerà essere una specie di scorpione dal morso mortale".

Regalo di Natale è il trionfo del singolo sul collettivo, è la metafora del successo di uno conquistato a spese di tutti, un'amara riflessione su come stiamo diventando o siamo già diventati.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

La denuncia di Oxfam: in Siria è emergenza ma gli aiuti calano

La denuncia di Oxfam: in Siria è emergenza ma gli aiuti calano

Roma, (askanews) - Dalla comunità internazionale ancora una volta non è arrivato ciò che serviva davvero per garantire un futuro al popolo siriano. È la denuncia di Oxfam, all'indomani della sesta conferenza di Bruxelles sulla crisi. "Nonostante le preoccupazioni espresse dai diversi governi a Bruxelles per la crescente ondata di violenze in Siria, le dichiarazioni d'intenti non si tradurranno in ...

 
È morto Fabrizio Frizzi

LUTTO NELLO SPETTACOLO

È morto Fabrizio Frizzi

Fabrizio Frizzi è morto nella notte per una emorragia cerebrale. Il popolare conduttore televisivo aveva 60 anni.

26.03.2018

Il Festival al duo Meta-Moro

Sanremo

Il Festival al duo Meta-Moro

I vincitori della 68esima edizione del Festival di Sanremo sono Ermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone "Non mi avete fatto niente". Al secondo posto Lo Stato sociale con ...

11.02.2018

Michelle Hunziker: "Niente sesso negli anni più belli della mia vita"

La rivelazione

Michelle Hunziker: "Niente sesso negli anni più belli della mia vita"

Michelle Hunziker, ospite della trasmissione Quarto Grado, ha raccontato quali sono state le imposizioni alle quali doveva sottostare imposte dalla setta dei Gelsomini di cui ...

15.01.2018