Arrivederci Damien, a Venezia si è conclusa una mostra epocale

A Palazzo Grassi - Punta della Dogana in 360mila per Treasures

06.12.2017 - 14:30

0

Venezia (askanews) - La grande immersione nell'universo narrativo di Damiem Hirst si è conclusa: domenica 3 dicembre a Palazzo Grassi e Punta della Dogana a Venezia la mostra "Treasures from the Wreck of the Unbelievable" ha accolto gli ultimi visitatori, prima di essere definitivamente consacrata alla leggenda. Nell'arco di quasi otto mesi i due musei veneziani hanno avuto circa 360mila visite, di cui 17mila sono stati i veneziani che hanno approfittato delle 35 giornate di gratuità riservate loro. Ma più che i numeri, quello che resta è l'incredibile azzardo narrativo della mostra, vera eredità di questi mesi. Ne abbiamo parlato con Martin Bethenod, direttore e amministratore delegato di Palazzo Grassi - Punta della Dogana.

"Qui con Damien Hirst - ha detto ad askanews - siamo arrivati alla più assoluta unicità, ed è stato un evento incredibile, non solo per il grado di ambizione, il grado di rischio preso da parte nostra, però anche da parte dell'artista, che si è proprio rimesso in gioco in un modo che pochi artisti hanno potuto fare negli ultimi decenni, perché l'ambizione e la dimensione di questo progetto di Damien è qualcosa che non si è mai visto".

La grandezza dell'artista era fuori discussione, così come la sua enorme potenza di fuoco sul mercato, ma quello che più è rilevante oggi, oggi che la mostra è in qualche modo tornata su quel fondale marino dell'immaginario collettivo da cui un colpo di genio l'aveva fatta emergere, quasi come Atlantide, è l'idea stessa di esposizione che ha portato con sé, destinata a restare come paradigma per il futuro.

"Palazzo Grassi e Punta della Dogana - ha aggiunto Bethenod - sono musei nei quali si può sperimentare, si può accompagnare un artista al massimo delle sue potenzialità creative, prendendo tutti i rischi, prendendo tutte le sfide e tutte le scommesse. Questo è molto importante per noi".

Sfide che il pubblico ha apprezzato, affollando le due sedi museali e creando un'altra narrazione sui canali social del Web, dove in molti hanno voluto dire il loro "io c'ero", soprattutto davanti al colosso di 18 metri posto nel grande atrio di Palazzo Grassi. "Un progetto come quello di Damien Hirst, vista la sua dimensione narrativa e di eccezionalità come evento - ci ha spiegato il direttore - ci ha portato un pubblico che non solo è più ampio del solito, ma che soprattutto è nuovo, diverso rispetto al nostro solito pubblico: un pubblico più giovane, la metà ha meno di 45 anni; un pubblico internazionale, un pubblico legato alle nuove tecnologie, a Internet ai social. E questo per me è molto interessante, perché ci fa vedere anche quale può essere lo sviluppo di questi musei".

La mostra Treasures, curata da Elena Geuna, ha cambiato anche l'immagine complessiva del lavoro di Hirst, troppo spesso frettolosamente liquidato considerando solo i prezzi delle sue opere, ma qui, accanto all'enorme domanda del mercato per le sue sculture, si è messo in campo molto altro, a partire da un diverso e nuovo modo di concepire perfino il ruolo del museo. "Siamo tutti stati coinvolti in questa avventura - ha concluso Martin Bethenod - che è cominciata come un segreto, e poi si è trasformata in un'avventura nella quale ogni persona di Palazzo Grassi è diventata un po' il narratore di questa grande finzione inventata da Damien".

L'arte contemporanea ha rotto gli argini, è diventata anche il suo contenitore, e ha travolto tutti noi spettatori, obbligandoci a scegliere a cosa credere. Come se lo squalo che per primo rese celebre l'artista inglese avesse finalmente rotto la teca che lo contiene, trovando il modo di nuotare libero nel mondo. Questo è Damien Hirst oggi, questo il Tesoro che ha dissepolto creando un passaggio tra le dimensioni di ciò che chiamiamo realtà e di ciò che chiamiamo fiction.

La verità, come sempre, è là fuori.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Milano, 23 giu. (askanews) - "Le paure ci sono, tutti noi abbiamo delle paure, però Milano le paure le gestisce e non le butta addosso agli altri, Milano non ha paura della diversità perché sulla diversità ci costruisce il futuro, e non è una bella dichiarazione di principio perché Milano lo fa da 26 secoli ed è arrivata dove è arrivata, integrando e mettendo insieme le qualità di tutti noi. ...

 
Contemporaneo a 360 gradi, il freestyle invade Palazzo Grassi

Contemporaneo a 360 gradi, il freestyle invade Palazzo Grassi

Venezia (askanews) - Una grande rampa da skateboard dove, fino a qualche mese fa, troneggiava il demone colossale di Damien Hirst. A Palazzo Grassi a Venezia la cultura freestyle entra dalla porta principale in uno dei musei più importanti del mondo con la tre giorni di "Skate the Museum", evento collegato alla mostra del pittore tedesco Albert Oehlen, ma che vive di una vita e di un'energia ...

 
Immigrati, il sindaco di Riace: campagna di odio produce la morte

Immigrati, il sindaco di Riace: campagna di odio produce la morte

Reggio Calabria (askanews) - Nelle baraccopoli di San Ferdinando e di Rosarno non c'è rispetto dei diritti umani, c'è un degrado umano. Perché le autorità se ne accorgono solo quando succedono questi casi gravi e si continua a mantenere operative queste strutture quando si potrebbe benissimo fare l'ospitalità diffusa e utilizzare le case della piana e dei centri storici che non sono abitate. Non ...

 
A Reggio Calabria la marcia di solidarietà per Soumaila Sacko

A Reggio Calabria la marcia di solidarietà per Soumaila Sacko

Reggio Calabria (askanews) - C'erano centinaia di migranti, lavoratori stagionali, sindacalisti ma anche tanti amministratori locali a Reggio Calabria, in occasione della manifestazione organizzata dall'Unione sindacale di base (Usb) per chiedere giustizia dopo l'omicidio di Soumaila Sacko, il bracciante del Mali ucciso a fucilate il 2 giugno 2018 mentre recuperava alcune vecchie lamiere in una ...

 
Il mondo della musica piange il maestro Caruso

lutto

Il mondo della musica piange il maestro Caruso

È morto all'età di 82 anni Pippo Caruso, maestro e direttore d'orchestra noto per aver preso parte a numerosi programmi televisivi di successo al fianco di Pippo Baudo, di ...

29.05.2018

È morto Fabrizio Frizzi

LUTTO NELLO SPETTACOLO

È morto Fabrizio Frizzi

Fabrizio Frizzi è morto nella notte per una emorragia cerebrale. Il popolare conduttore televisivo aveva 60 anni.

26.03.2018

Il Festival al duo Meta-Moro

Sanremo

Il Festival al duo Meta-Moro

I vincitori della 68esima edizione del Festival di Sanremo sono Ermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone "Non mi avete fatto niente". Al secondo posto Lo Stato sociale con ...

11.02.2018