Catalogna, Madrid ritira mandato arresto europeo per Puigdemont

Il Belgio probabilmente avrebbe bocciato diversi capi d'accusa

06.12.2017 - 13:00

0

--- ripetizione con testo corretto ---

Roma, (askanews) - Nuovo colpo di scena nella complessa battaglia politico-giudiziaria fra lo Stato spagnolo e il fronte indipendentista in Catalogna: il giudice istruttore del Tribunale Supremo spagnolo Pablo Llarena ha deciso di ritirare il mandato d'arresto europeo

nei confronti dell'ex presidente catalano Carles Puigdemont e di

quattro dei suoi ex-ministri: Antonio Comìn, Lluìs Puig,

Meritxell Serret e Clara Ponsatì, che si trovano in Belgio, e ha

comunicato la sua decisione alle autorità belghe.

Formalmente Llarena ha motivato la sua inattesa decisione col fatto che i cinque indipendentisti hanno detto che torneranno in Spagna per partecipare alle elezioni regionali del 21 dicembre. Fonti giudiziarie hanno spiegato che in Spagna resta valido il mandato d'arresto nazionale e che i cinque verranno arrestati quando varcheranno il confine del Paese.

Il problema di fronte a cui si è trovata la giustizia di Madrid è che il Belgio avrebbe probabilmente respinto alcuni capi d'accusa contenuti nel mandato europeo chiesto dalla Spagna - in particolare quelli per "ribellione" e "sedizione", delitti in Belgio non perseguibili come tali - il che avrebbe costretto a ridimensionare le imputazioni contro Puigdemont e gli altri quattro ex ministri. Questo avrebbe creato una disparità con i restanti membri dell'ex governo catalano e leader della società civile che sono indagati in Spagna - di cui quattro sono tuttora in custodia cautelare in carcere.

Ma c'è anche un'altra lettura della decisione del giudice istruttore, in un processo che ha forti implicazioni politiche: dopo il referendum popolare e il voto del parlamento catalano sull'indipendenza, entrambi proibiti e dichiarati illegali da Madrid, il governo centrale spagnolo di Mariano Rajoy ha revocato il governo regionale catalano, sospendendo l'autonomia della Catalogna e ha indetto elezioni regionali anticipate per il 21 dicembre. Secondo il fronte indipendentista, che considera i leader detenuti in carcere come prigionieri politici, un diniego di estradizione da parte del Belgio avrebbe quindi rappresentato una sconfitta politica per l'esecutivo di Madrid, che appoggia partiti centralisti nelle prossime elezioni.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Riccardo Tonetti: andiamo a casa senza medaglie, ma buona gara

Riccardo Tonetti: andiamo a casa senza medaglie, ma buona gara

PyeongChang (askanews) - "Sono contento della mia gara, mi sono detto di partire nella seconda manche esattamente come avevo fatto nella prima, non avevo mai vissuto questa situazione nemmeno in Coppa del mondo, anche se i primi tre classificati erano di un altro pianeta". Lo ha detto Riccardo Tonetti al termine dello slalom gigante olimpico a PyeongChang, dove è stato quarto dopo la prima manche ...

 
Da Angelina Jolie a Salma Hayek, anche ai Bafta red carpet black

Da Angelina Jolie a Salma Hayek, anche ai Bafta red carpet black

Roma, (askanews) - Dopo i Golden Globes, red carpet black anche ai Bafta a Londra contro gli abusi sulle donne. Da Kristin Scott Thomas a Octavia Spencer, da Gemma Arterton a Saoirse Ronan, da Salma Hayek ad Angelina Jolie e Jennifer Lawrence, le attrici compatte hanno sfilato sul tappeto rosso degli Oscar inglesi del cinema vestendosi di nero in segno di solidarietà al movimento Time's Up di ...

 
PyeongChang, Hofer: proveremo a difendere la nostra medaglia

PyeongChang, Hofer: proveremo a difendere la nostra medaglia

PyeongChang (askanews) - "Difendere una medaglia non è mai facile, perché siamo tutti lì per giocarcela. Dobbiamo provarci fino alla fine, perché tutto è sempre aperto, come abbiamo visto in tutte le altre gare con nomi della Svezia che hanno fatto medaglie d'oro o d'argento. Per questo non dobbiamo mai mollare e tirare fino alla fine". Lo ha detto il biatleta azzurro Lukas Hofer, parlando con i ...

 
Netanyahu: Iran non metta alla prova Israele e mostra drone

Netanyahu: Iran non metta alla prova Israele e mostra drone

Monaco (askanews) - Pesante scambio di accuse tra Tel Aviv e Teheran alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco. Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha avvertito l'Iran e i suoi protetti in Siria di non "mettere alla prova" Israele, mostrando un oggetto che ha detto essere un pezzo di un drone iraniano abbattutto nello spazio aereo d'Israele. "Signor Zarif, lo riconosce? E' vostro. Lo ...

 
Il Festival al duo Meta-Moro

Sanremo

Il Festival al duo Meta-Moro

I vincitori della 68esima edizione del Festival di Sanremo sono Ermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone "Non mi avete fatto niente". Al secondo posto Lo Stato sociale con ...

11.02.2018

Michelle Hunziker: "Niente sesso negli anni più belli della mia vita"

La rivelazione

Michelle Hunziker: "Niente sesso negli anni più belli della mia vita"

Michelle Hunziker, ospite della trasmissione Quarto Grado, ha raccontato quali sono state le imposizioni alle quali doveva sottostare imposte dalla setta dei Gelsomini di cui ...

15.01.2018

DiCaprio nel nuovo film di Tarantino su Charles Manson

Cinema

DiCaprio nel nuovo film di Tarantino su Charles Manson

Leonardo DiCaprio e Quentin Tarantino di nuovo insieme. La star di Hollywood sarà nel cast del nuovo film del regista dopo aver collaborato nel 2012 per Django Unchained. Sul ...

13.01.2018