Mafia, sequestrati beni a noto commerciante di opere d'arte

Era vicino al clan trapanese dei Messina Denaro

15.11.2017 - 13:00

0

Roma, (askanews) - Messina Denaro finanziato da un noto commerciante di opere d'arte. È questo il filo rosso che legherebbe Giovanni Franco Becchina, con l'anziano patriarca mafioso Francesco Messina Denaro, poi sostituito dal figlio Matteo. E' scattato il sequestro per il patrimonio di Gianfranco Becchina. Le indagini della Direzione investigativa antimafia di Trapani hanno portato al sequestro di un ingente quantitativo di beni dal valore di svariati milioni di euro riconducibili a Becchina, noto commerciante internazionale d'opere d'arte e reperti di valore storico-archeologico originario di Castelvetrano.

Secondo la ricostruzione degli investigatori, per oltre un trentennio Becchina avrebbe accumulato ricchezze con i

proventi del traffico internazionale di reperti archeologici,

molti dei quali trafugati clandestinamente nel più importante

sito archeologico della Sicilia (Selinunte) da tombaroli al

servizio di Cosa nostra.

A gestire le attività illegali legate agli scavi clandestini ci

sarebbe stato proprio Messina Denaro. Secondo alcuni collaboratori di giustizia, ci sarebbe stato proprio l'anziano padrino dietro il furto del famoso Efebo di Selinunte, statuetta di grandissimo valore storico archeologico trafugata negli anni Cinquanta.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Altro

Borse positive, corre Bper ma frena Fca

Le Borse europee chiudono in rialzo. Riflettori puntati sulla riunione dei Paesi Opec: è stato deciso all'unanimità un aumento della produzione fino a un milione di barili al giorno. A fine seduta a Milano guadagna lo 0,99%, spread in calo. Maglia rosa per Londra +1,67%, positive le piazze di Parigi +1,34% e Francoforte +0,54%. A Piazza Affari corre Bper +7,36% dopo che il gruppo Unipol ha ...

 
Lincei: giovani e relazioni internazionali tra priorità Accademia

Lincei: giovani e relazioni internazionali tra priorità Accademia

Roma, (askanews) - Si è chiuso oggi a Palazzo Corsini, alla presenza del capo dello Stato Sergio Mattarella, il 415esimo Anno Accademico dei Lincei, la più antica Accademia del mondo. L'Adunanza solenne si è aperta con la relazione del presidente Alberto Quadrio Curzio sull'attività svolta nell'Anno Accademico 2017-2018 e nel triennio 2015-2018 che lo ha visto alla guida della prestigiosa ...

 
Il mondo della musica piange il maestro Caruso

lutto

Il mondo della musica piange il maestro Caruso

È morto all'età di 82 anni Pippo Caruso, maestro e direttore d'orchestra noto per aver preso parte a numerosi programmi televisivi di successo al fianco di Pippo Baudo, di ...

29.05.2018

È morto Fabrizio Frizzi

LUTTO NELLO SPETTACOLO

È morto Fabrizio Frizzi

Fabrizio Frizzi è morto nella notte per una emorragia cerebrale. Il popolare conduttore televisivo aveva 60 anni.

26.03.2018

Il Festival al duo Meta-Moro

Sanremo

Il Festival al duo Meta-Moro

I vincitori della 68esima edizione del Festival di Sanremo sono Ermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone "Non mi avete fatto niente". Al secondo posto Lo Stato sociale con ...

11.02.2018