Tra l'intimo e il sociale: Luisa Rabbia in Collezione Maramotti

A Reggio Emilia la mostra antologica "Love"

18.10.2017 - 18:30

0

Reggio Emilia (askanews) - La condizione umana, le relazioni tra le persone e con l'ambiente esterno. Il lavoro di Luisa Rabbia, artista piemontese della generazione dei quarantenni che da anni vive a Brooklyn, è spesso costruito intorno al segno e alle interconnessioni, grafiche e metaforiche, che questo crea e induce. Un'esperienza che viene intensificata dalla mostra antologica che la Collezione Maramotti di Reggio Emilia le dedica, ripercorrendo diverse tappe del lavoro di Rabbia, dai disegni degli inizi fino al grande murale site specific realizzato durante una residenza nel museo. E anche il titolo della mostra è significativo e, perché no, anche un po' ambiguo: "Love".

A guidarci nel percorso espositivo la direttrice della Collezione, Marina Dacci. "Love - ha spiegato ad askanews - è anche un'attitudine e di questo mi piace parlare, perché nel lavoro di Luisa Rabbia il tema della ricerca nel suo percorso è molto legato a questo amore, chiamiamolo così, nei confronti delle persone, della dimensione interiore, della riflessione su quelle che sono le connessioni tra persone di etnie, generi diversi del genere umano".

Persone che possono essere i due corpi che si intrecciano nel grande lavoro che apre la mostra, ma anche gli anonimi personaggi che varcano diversi confini in molti lavori che, attraverso una pittura che si rinnova ogni volta, ci parlano del nostro presente.

"Il disegno in Luisa Rabbia - ha aggiunto Marina Dacci - pian piano nel corso del tempo si è trasformato in gesto pittorico. Le sue nebulose di segni sottili, quasi delle ragnatele in cui è prevalente il colore blu, da un lato evocano delle strutture vegetali, come delle radici tentacolari che si mescolano nel terreno, ma possono essere anche il percorso dei vasi sanguigni nel corpo umano, oppure le tracce di qualche transito di persone, come visibile con le impronte digitali che lei usa negli ultimi anni. Non è la lunghezza che determina l'intensità di un lavoro, ma è proprio la partecipazione fisica e corporea dell'artista che ha lavorato dentro lo spazio per alcuni giorni".

Il risultato è una dimensione sospesa, tra l'intimo e il sociale, che diventa, almeno in questa mostra, la cifra più intensa dell'esperienza dello spettatore.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

M5s e Pd si stanno già parlando
All'ombra del 25 aprile

M5s e Pd si stanno già parlando

All'indomani del disgelo ufficiale fra M5s e Pd certificato dall'incontro fra l'esploratore-presidente della Camera, Roberto Fico e il segretario reggente del Nazareno, Maurizio Martina, già si colgono i risultati del nuovo clima instaurato. Eccone una testimonianza filmata da Perugia, dietro le quinte delle celebrazioni per il 25 aprile. Non che sia già fatto un nuovo governo con Luigi Di Maio ...

 
Trump riceve Macron: "Da matti l'accordo con l'Iran"

Trump riceve Macron: "Da matti l'accordo con l'Iran"

Roma, (askanews) - "Da matti l'accordo con l'Iran": così il presidente statunitense dalla Casa Bianca dove riceve il francese Emmanuel Macron. Proprio l'accordo con Teheran firmato da Barack Obama assieme alla diplomazia internazionale è uno dei temi caldi dell'incontro fra Parigi e Washington: Macron aveva per missione cercava di convincere Trump a non recedere dall'accordo, perdendo anni di ...

 
Inaugurata la prima statua di donna davanti a Westminster

Inaugurata la prima statua di donna davanti a Westminster

Londra, (askanews) - Non solo le statue di Winston Churchill, di Gandhi e di Mandela davanti al parlamento britannico; c'è finalmente anche la statua di una donna, l'attivista per i diritti femminili Millicent Fawcett, svelata nel centesimo anniversario del voto alle donne. La statua realizzata dall'artista Gillian Wearing, è stata inaugurata dalla premier Theresa May accanto al sindaco di Londra ...

 
È morto Fabrizio Frizzi

LUTTO NELLO SPETTACOLO

È morto Fabrizio Frizzi

Fabrizio Frizzi è morto nella notte per una emorragia cerebrale. Il popolare conduttore televisivo aveva 60 anni.

26.03.2018

Il Festival al duo Meta-Moro

Sanremo

Il Festival al duo Meta-Moro

I vincitori della 68esima edizione del Festival di Sanremo sono Ermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone "Non mi avete fatto niente". Al secondo posto Lo Stato sociale con ...

11.02.2018

Michelle Hunziker: "Niente sesso negli anni più belli della mia vita"

La rivelazione

Michelle Hunziker: "Niente sesso negli anni più belli della mia vita"

Michelle Hunziker, ospite della trasmissione Quarto Grado, ha raccontato quali sono state le imposizioni alle quali doveva sottostare imposte dalla setta dei Gelsomini di cui ...

15.01.2018