A Barcellona le Festes de Gràcia continuano: "Vincere la paura"

Spettacolari decorazioni, ma stop a concerti e balli notturni

19.08.2017 - 19:00

0

Barcellona (askanews) - Quella delle feste rionali estive è una delle tradizioni più sentite di Barcellona, ed è stata travolta dall'attentato della Rambla, come tutta la vita della metropoli catalana. Nel quartiere di Gràcia quest'anno si celebra il 200mo anniversario delle "Festes" più antiche e scenografiche della città, che durano un'intera settimana e cominciano a Ferragosto. Dopo l'attacco del 17 agosto, l'associazione del quartiere ha deciso di cancellare gli eventi notturni, come concerti e balli, e mantenere solo quelli diurni. La festa prevede una competizione fra le strade (i "carrers") del quartiere per la decorazione più bella e originale, ed è un'occasione di collaborazione fra le generazioni a cui partecipano giovani e anziani, vecchi e nuovi abitanti del rione, lavorando per settimane.

Manolita Dominguez, presidente del Carrer de la Providència, che per caso quest'anno aveva scelto la pace come tema delle decorazioni della strada: "Chiaro, abbiamo mantenuto le merende, le attività per bambini, i pranzi sociali, ma chiaramente i concerti notturni, che è quando viene più gente, questi non li facciamo. Certo, abbiamo notato che c'è molta meno gente, c'è un calo notevole. Però le circostanze sono queste, ci tocca vivere così, disgraziatamente".

Laura e Sonia sono italiane, ma vivono da tempo in Catalogna: "Per me assolutamente hanno fatto benissimo, come si fa a continuare la festa dopo quel che è successo? Hanno fatto bene a ridurle, eliminarle del tutto, forse anche per motivi logistici, era difficile, hanno fatto bene a ridurle. "Tutti si va avanti, le tragedie succedono, anche questi atti terroristici, però anche noi, si sta facendo un giro, ma non è che c'è questa voglia di fare chissacché. Però è normale anche non fermarsi , andare avanti, in modo più pacato per rispetto verso quello che è successo però comunque si va avanti sempre, per non darla vinta a loro."

E alla fine tutti, ciascuno a modo suo, partecipano al nuovo spirito: così, anche il gruppo antifascista Antifa El Polvorì ha deciso di spostare al pomeriggio il suo concerto e dj set: "Sì, abbiamo deciso di ridurre un po', insomma, non è che dobbiamo silenziare tutto, però bisogna vincere la paura: allora abbiamo deciso di continuare la festa, però senza fare tardi".

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Milano, 23 giu. (askanews) - "Le paure ci sono, tutti noi abbiamo delle paure, però Milano le paure le gestisce e non le butta addosso agli altri, Milano non ha paura della diversità perché sulla diversità ci costruisce il futuro, e non è una bella dichiarazione di principio perché Milano lo fa da 26 secoli ed è arrivata dove è arrivata, integrando e mettendo insieme le qualità di tutti noi. ...

 
Contemporaneo a 360 gradi, il freestyle invade Palazzo Grassi

Contemporaneo a 360 gradi, il freestyle invade Palazzo Grassi

Venezia (askanews) - Una grande rampa da skateboard dove, fino a qualche mese fa, troneggiava il demone colossale di Damien Hirst. A Palazzo Grassi a Venezia la cultura freestyle entra dalla porta principale in uno dei musei più importanti del mondo con la tre giorni di "Skate the Museum", evento collegato alla mostra del pittore tedesco Albert Oehlen, ma che vive di una vita e di un'energia ...

 
Immigrati, il sindaco di Riace: campagna di odio produce la morte

Immigrati, il sindaco di Riace: campagna di odio produce la morte

Reggio Calabria (askanews) - Nelle baraccopoli di San Ferdinando e di Rosarno non c'è rispetto dei diritti umani, c'è un degrado umano. Perché le autorità se ne accorgono solo quando succedono questi casi gravi e si continua a mantenere operative queste strutture quando si potrebbe benissimo fare l'ospitalità diffusa e utilizzare le case della piana e dei centri storici che non sono abitate. Non ...

 
A Reggio Calabria la marcia di solidarietà per Soumaila Sacko

A Reggio Calabria la marcia di solidarietà per Soumaila Sacko

Reggio Calabria (askanews) - C'erano centinaia di migranti, lavoratori stagionali, sindacalisti ma anche tanti amministratori locali a Reggio Calabria, in occasione della manifestazione organizzata dall'Unione sindacale di base (Usb) per chiedere giustizia dopo l'omicidio di Soumaila Sacko, il bracciante del Mali ucciso a fucilate il 2 giugno 2018 mentre recuperava alcune vecchie lamiere in una ...

 
Il mondo della musica piange il maestro Caruso

lutto

Il mondo della musica piange il maestro Caruso

È morto all'età di 82 anni Pippo Caruso, maestro e direttore d'orchestra noto per aver preso parte a numerosi programmi televisivi di successo al fianco di Pippo Baudo, di ...

29.05.2018

È morto Fabrizio Frizzi

LUTTO NELLO SPETTACOLO

È morto Fabrizio Frizzi

Fabrizio Frizzi è morto nella notte per una emorragia cerebrale. Il popolare conduttore televisivo aveva 60 anni.

26.03.2018

Il Festival al duo Meta-Moro

Sanremo

Il Festival al duo Meta-Moro

I vincitori della 68esima edizione del Festival di Sanremo sono Ermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone "Non mi avete fatto niente". Al secondo posto Lo Stato sociale con ...

11.02.2018