Cannes, Sicilian Ghost Story: atto d'amore per Giuseppe Di Matteo

Grassadonia e Piazza aprono la Semaine della Critique

18.05.2017 - 17:00

0

Roma, (askanews) - Per la prima volta un film italiano ha l'onore di aprire la Semaine della Critique al Festival di Cannes. È "Sicilian Ghost Story" di Fabio Grassadonia e Antonio Piazza, ambientato in un piccolo paese della Sicilia dove Giuseppe, 13 anni, scompare all'improvviso.

Solo Luna, sua compagna di classe che ne è innamorata, non si rassegna alla misteriosa sparizione, nel silenzio da parte della famiglia del ragazzo, l'indifferenza e l'omertà del mondo che li circonda. Giuseppe è stato sequestrato dalla mafia, ma Luna non si arrende e continua a cercarlo. E' pronta a scendere in quel mondo oscuro che ha inghiottito Giuseppe e che ha in un lago una misteriosa via d'accesso.

Fabio Grassadonia: "In nome dell'amore che sente è disposta a tutto, anche a rischio della vita pur di strapparlo dalle mani infami che lo condannano alla morte".

Il film è ispirato a un fatto realmente accaduto nel '93: il sequestro di Giuseppe Di Matteo, figlio del pentito Santino Di Matteo, sciolto nell'acido dai corleonesi di Brusca.

Antonio Piazza: "Per noi il film è un atto d'amore verso Giuseppe Di Matteo, a cui è ispirato il film".

"E' una storia che è rimasta a lungo con noi, di dolore, angoscia rabbia, ma per noi raccontabile sul piano della mera realtà".

Lo spunto è arrivato dopo aver letto "Un cavaliere bianco" di Marco Mancassola, racconto contenuto in una raccolta sui più brutti fatti di cronaca italiani, raccontati però inserendo anche l'elemento fantastico.

"Era importante non tradire il fatto, la verità storica, ma ci serviva un'invenzione fantastica che portasse fuori dal buio questo bambino e ce lo restituisse alla luce del sole, perciò avevamo bisogno di una storia d'amore grande".

Una favola nera e d'amore, dramma e realtà. Il film esce contemporaneamente al cinema e per i due è un grande ritorno a Cannes, dopo la vittoria nel 2013 con "Salvo" dei due premi della Semaine de la Critique, Grand Prix e Prix Révélation.

"Questa per noi è una storia emozionante, ci siamo molto legati, è un atto d'amore questo film e il fatto che possa vivere anche la dimensione del rapporto con il pubblico in contemporanea con il Festival, non solo con la critica, è forse il regalo più bello".

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Cassa ragionieri: Esperto contabile opportunità per i giovani

Cassa ragionieri: Esperto contabile opportunità per i giovani

Roma, (askanews) - Una figura professionale che aiuti a contrastare la disoccupazione che colpisce soprattutto i giovani e, contestualmente, vada incontro alle esigenze delle imprese. E' nata con questo obiettivo la figura dell'esperto contabile. Se ne è parlato nel corso di un Forum organizzato dalla Cassa nazionale di previdenza e assistenza dei ragionieri. Per il presidente della Cassa, Luigi ...

 
Manchester, l'ira di Londra per le foto dell'ordigno sul NY Times

Manchester, l'ira di Londra per le foto dell'ordigno sul NY Times

Roma, (askanews) - Mentre altre due persone sono state arrestate nell'ambito delle indagini sull'attentato alla Manchester Arena, per un totale di 8 arrestati, tra cui il fratello dell'attentatore in Libia, il New York Times pubblica le foto scattate dalla polizia scientifica che mostrano parti dell'ordigno usato nell'attacco, facendo salire al massimo la tensione tra Londra a Washington. La ...

 
Da Eva a Charlize, Hollywood in vacanza sul tapis rouge di Cannes

Da Eva a Charlize, Hollywood in vacanza sul tapis rouge di Cannes

Cannes (askanews) - Da Eva Longoria a Charlize Theron, da Antonio Banderas a Benicio Del Toro: la montée des marches di Cannes è più glamour che mai. Per il festival del cinema la Croisette accoglie Hollywood e anche le star del cinema astiatico. Tra le bellezze sul tappeto rosso, Eva Longoria, Barbara Palvin, Uma Thurman, Marion Cottillard, Jessica Chastain, e poi Pedro Lmodovar, Fan BingBing, ...

 
Laura Barriales canta la sigla di Holly&Benji ma sembra quella di Lupin

Laura Barriales canta la sigla di Holly&Benji ma sembra quella di Lupin

Alcuni hanno amato Holly&Benji, altri hanno amato Lupin, molti sono stati o sono fan di entrambi i cartoni animati. Laura Barriales con un post su Instagram ci svela una curiosità che stupirà molti appassionati. La sigla della versione spagnola del capolavoro dedicato ai giovani campioni del calcio, è la stessa di Lupin nella versione italiana.

 
Una mostra per celebrare Monachesi, scultore della ceramica

Viterbo

Una mostra per celebrare Monachesi, scultore della ceramica

Nel 2017 ricorre il quarantennale di attività dello scultore Riccardo Monachesi: è infatti del 1977 la firma della sua prima scultura. Per celebrare questa importante ...

24.05.2017

Svelato il mistero del volto di Giulia Farnese

Viterbo

Svelato il mistero del volto di Giulia Farnese

Ci sono un capolavoro ritrovato, un giallo risolto e diversi personaggi principali, tutti di prima grandezza, nella storia che racconta la mostra “Pintoricchio pittore dei ...

19.05.2017

Mariano Di Vaio, canzone da hit

Il fatto

Mariano Di Vaio, canzone da hit

Mariano Di Vaio festeggia il suo 28esimo compleanno con un autentico fuoco d’artificio: lancia la sua prima canzone che si intitola "Wait for me", di cui è autore e ...

09.05.2017