Mosul, la sconfitta dell'Isis si legge sul numero delle parabole

Nei quartieri liberati rispuntano le antenne tv una volta vietate

20.04.2017 - 16:00

0

Mosul (askanews) - A Mosul la sconfitta dell'Isis si legge anche sul numero delle antenne paraboliche che stanno fiorendo sui tetti della strategica località dell'Iraq settentrionale, dove è tuttora in corso la riconquista delle forze governative.

Nelle parte orientale, strappata nel gennaio scorso alle milizie islamiste, gli abitanti della città martire stanno riannodando i legami con il mondo esterno, vietati da oltre due anni a causa delle feroce censura imposta dai terroristi di al Baghdadi. Guardare la televisione era proibito ma oggi Ali, 16 anni, passa la giornata a montare le antenne che vende nel quartiere.

"Vengo al mattino presto e preparo qui le antenne" spiega. "Quando ho finito le metto in una sacca e andiamo dai clienti. Ogni giorno è così. I clienti vengono qui a scegliere e comprare".

Nelle strade di Mosul Est, le parabole vengono esposte sui marciapiedi anche se gli abitanti continuano ad avere paura, dopo due anni e mezzo passati sotto il tallone dell'Isis.

"I miliziani islamisti venivano a chiudere i negozi di elettronica, li passavano in rassegna uno per uno per essere certi che non vendessero niente" ricorda Alaa, neo installatore di antenne paraboliche. "Andavano a cercare le persone che avevano delle parabole e quando li trovavano li frustavano o li arrestavano".

Oggi i tecnici, più o meno improvvisati, non hanno nemmeno un minuto libero, nonostante una concorrenza feroce. Le parabole vengono acquistate al mercato nero e rivendute ai clienti in attesa. La coda è lunga perché nessuno è in grado di farlo da solo e tutti hanno bisogno di un esperto in grado di eseguire il lavoro.

Oggi l'Isis controlla solo il 7% del territorio del paese. E anche per questo la televisione, insieme all'acqua corrente, è tornata a essere una risorsa alla quale gli iracheni possono di nuovo dare del tu.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Altro

Borse positive, corre Bper ma frena Fca

Le Borse europee chiudono in rialzo. Riflettori puntati sulla riunione dei Paesi Opec: è stato deciso all'unanimità un aumento della produzione fino a un milione di barili al giorno. A fine seduta a Milano guadagna lo 0,99%, spread in calo. Maglia rosa per Londra +1,67%, positive le piazze di Parigi +1,34% e Francoforte +0,54%. A Piazza Affari corre Bper +7,36% dopo che il gruppo Unipol ha ...

 
Lincei: giovani e relazioni internazionali tra priorità Accademia

Lincei: giovani e relazioni internazionali tra priorità Accademia

Roma, (askanews) - Si è chiuso oggi a Palazzo Corsini, alla presenza del capo dello Stato Sergio Mattarella, il 415esimo Anno Accademico dei Lincei, la più antica Accademia del mondo. L'Adunanza solenne si è aperta con la relazione del presidente Alberto Quadrio Curzio sull'attività svolta nell'Anno Accademico 2017-2018 e nel triennio 2015-2018 che lo ha visto alla guida della prestigiosa ...

 
Il mondo della musica piange il maestro Caruso

lutto

Il mondo della musica piange il maestro Caruso

È morto all'età di 82 anni Pippo Caruso, maestro e direttore d'orchestra noto per aver preso parte a numerosi programmi televisivi di successo al fianco di Pippo Baudo, di ...

29.05.2018

È morto Fabrizio Frizzi

LUTTO NELLO SPETTACOLO

È morto Fabrizio Frizzi

Fabrizio Frizzi è morto nella notte per una emorragia cerebrale. Il popolare conduttore televisivo aveva 60 anni.

26.03.2018

Il Festival al duo Meta-Moro

Sanremo

Il Festival al duo Meta-Moro

I vincitori della 68esima edizione del Festival di Sanremo sono Ermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone "Non mi avete fatto niente". Al secondo posto Lo Stato sociale con ...

11.02.2018