Farinetti: famiglie italiane socie di Eataly quando sarà in Borsa

Fondatore: bello esser soci di chi rappresenta Italia nel mondo

20.04.2017 - 10:30

0

Milano, (askanews) - "Non me ne frega niente di quando andrà in Borsa, l'unica cosa che mi interessa è che a comprare le azioni siano le famiglie italiane". Oscar Farinetti, fondatore di Eataly, non rivela la data della quotazione in Borsa della sua creatura ma esprime un desiderio che intende realizzare. La data della quotazione "la deciderà Guerra insieme all'altro mio socio Tamburi. Io non capisco niente di finanza, non so neanche quali siano i meccanismi della Borsa" ma una cosa la da: "Più che le grandi company, le banche, vorrei che siano

tantissime piccole famiglie italiane che magari comprano

2.000-3-5mila euro di azioni. Noi come famiglia non molliamo,

restiamo per cui mi piacerebbe avere come soci tanti piccoli

italiani".

Oltretutto, aggiunge Farinetti, a margine della presentazione dei lavori di restauro del Cenacolo che Eataly ha finanziato, "così gli italiani sono sicuri che non sprecheranno i loro soldi perché Eataly andrà sempre e in più diventano soci di una cosa che rappresenta l'Italia nel mondo".

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Elton John ha rischiato di morire
Rara infezione

Elton John ha rischiato di morire

Elton John ha rischiato di morire per una rara infezione contratta mentre era in tour in Sudamerica. Lo fa sapere il portavoce del cantante inglese, che si è sentito male la settimana scorsa sul volo di ritorno da Santiago del Cile. Ricoverato in terapia intensiva a Londra l'artista, 70 anni, ora sta meglio ed è a casa, ma ha dovuto annullare un paio di concerti negli Stati Uniti. Il ritorno ...

 
Addio bottigliette, arriva Ooho l'acqua in capsula

Addio bottigliette, arriva Ooho l'acqua in capsula

Un futuro senza bottigliette di plastica è possibile secondo gli ingegneri e i ricercatori di Skipping Rocks Lab che hanno brevettato Ooho, delle sfere commestibili che somigliano a gocce d'acqua.

 
Damien Hirst a Venezia: tutto è vero, anche il contrario

Damien Hirst a Venezia: tutto è vero, anche il contrario

Venezia (askanews) - C'era una volta. Comincia così, come le favole e come i miti, la storia dell'ultimo, enorme progetto di Damien Hirst, maestosamente svelato a Palazzo Grassi e Punta della Dogana a Venezia, la città che unisce il drammatico fascino di un impossibile mondo di bellezza decadente e l'autorigenerante energia dell'arte contemporanea, naturalmente impersonata dalla Biennale. ...

 
A Tokyo Maria Grazia Chiuri presenta la collezione Dior

A Tokyo Maria Grazia Chiuri presenta la collezione Dior

Roma, (askanews) - A Tokyo la collezione Dior è sul tetto di un grande magazzino a Ginza. La stilista Maria Grazia Chiuri: "Sono stata diverse volte in Giappone in passato, è un paese bellissimo. Adoro le sue creazioni artigianali. Sono piene di umanità e in questo sono vicine alla cultura francese e alla mia cultura italiana. Lavoro in questa compagnia con lo stesso atteggiamento. Rispetto il ...

 
Elton John ha rischiato di morire

Rara infezione

Elton John ha rischiato di morire

Elton John ha rischiato di morire per una rara infezione contratta mentre era in tour in Sudamerica. Lo fa sapere il portavoce del cantante inglese, che si è sentito male la ...

Palazzo Farnese, la sala dei mappamondi

Caprarola

Palazzo Farnese, la sala dei mappamondi

Domenica 2 aprile come ogni prima domenica del mese l'ingresso allo splendido Palazzo Farnese di Caprarola era gratuito e aperto a tutti. Una ghiotta occasione per ammirarne le ...