Tuscania piega Tavianoe rimane al comando

Volley A2 maschile

Tuscania piega Taviano
e rimane al comando

02.10.2017 - 19:09

0

TUSCANIA-TAVIANO 3-1

PARZIALI 24-26, 25-20, 25-18, 25-16

MAURY'S ITALIANA ASSICURAZIONI TUSCANIA Pedron 3, Shavrak 19, Piscopo 5, Buzzelli 23, Cernic (cap) 9, Bonami (L), Festi 3, Calonico 5, Mochalski, Sorgente (L), Cro', Della Rosa, Seveglievich Coach Montagnani

PAG TAVIANO Astartita 5, Smiriglia 4, Bigarelli 20, Ruiz 19, Torsello (cap) 5, Bruno (L), Mariella 5, Percoco, Avelli, Musardo, Beltrami, Vega, Piedepalumbo Coach Licchelli

ARBITRI Bellini e Rolla

La Maury's Italiana Assicurazioni Tuscania prosegue a punteggio pieno aggiudicandosi anche la gara interna con la neopromossa Pag Taviano e si mantiene, seppur in compagnia, in testa al girone blu della UnipolSai A2.

Al loro esordio, non avendo disputato il primo turno per indisponibilità del campo di Mondovì, i pugliesi si presentano al PalaMalè senza timori reverenziali creando più di una difficoltà ai padroni di casa costretti addirittura a cedere il primo set (24/26). I ragazzi di Montagnani reagiscono subito e dopo un secondo parziale condotto sulla falsa riga del primo prendono definitivamente il largo nei successivi, grazie anche ad un Buzzelli davvero in giornata di grazia, saranno 23 i punti per lui alla fine, e ad un super Calonico entrato a sostituire Festi nel terzo parziale. Il set si apre con un muro dei pugliesi su attacco di Buzzelli. Turno di battuta di Shavrak che si apre con due ace. 3-2 Tuscania. Un'invasione a rete degli ospiti fa andare in battuta Piscopo che mette in difficoltà la ricezione di Taviano e fa ace. Un'azione rocambolesca che si chiude con un primo tempo di Festi assegna il sesto punto ai padroni di casa, 6-3. Una diagonale da posto 4 di Ruiz fa ripartire i pugliesi che trovano il pareggio a quota 8. Un mani-out del solito Ruiz fa mettere la freccia alla squadra di coach Lichelli, 9-10. Risponde Tuscania con una pipe mani e fuori di capitan Cernic che trova il pareggio a quota 10. Arriva il primo video-check del set chiamato dalla panchina leccese per un tocco a muro su attacco di Bigarelli, punto a Taviano, 10-12. Con una spazzolata sul muro, Buzzelli manda in battuta Piscopo. Il secondo video-check giudica out l'attacco di Bigarelli e Tuscania si porta sul 14-13. Si gioca punto a punto, con grande equilibrio tra le due formazioni. Arriva il primo time out discrezionale chiamato dalla panchina giallorossa. Al rientro in campo la situazione di equilibrio persiste, con le due formazioni che lottano su ogni palla. Primo time out discrezionale anche per coach Montagnani, con i pugliesi avanti 19-20. Torna la parità a quota 21. In campo Calonico su Piscopo per il servizio. Sul  23 pari e con Cernic al servizio arriva la seconda chiamata time out da parte di Liccheli. Al rientro in campo un attacco di Roberto Festi su free ball fa andare al primo set-ball. Taviano trova subito la parità e con un'invasione a rete di Matteo Pedron arriva al su primo set ball. Dopo il time out dalla panchina tuscanese, un attacco out di Shavrak decreta la fine del primo parziale, 24-26 per Pag Volley Taviano. Il secondo parziale si apre bene per Cernic e compagni che si portano subito avanti 3-0. Non tarda però ad arrivare la risposta della compagine pugliese che torna a quota -1 e subito trova la parità, 4-4. Un doppio ace di Piscopo porta i tuscanesi sul 9-6. Un'azione rocambolesca si chiude con una pipe di Shavrak che dà il via ad un parziale che la panchina pugliese prova a fermare chiamando un time out. Al rientro in campo arriva la risposta chiesta da coach Licchelli con un muro su attacco di Cernic del solito Bigarelli. Una giocata di seconda di Pedron manda in battuta Matej Cernic che crea scompiglio nel campo giallorosso, 13-8. Marco Piscopo agguanta la palla e chiude il sedicesimo punto, ma il vide-check chiamato dalla panchina leccese cambia l'assegnazione del punteggio per invasione a rete. Continuano gli errori nel campo giallorosso e la panchina è costretta a chiamare il time out, al rientro in campo Ruiz e compagni ricuciono lo strappo e si portano sul punteggio di 16-15. Viene chiamata invasione a Ruiz dal secondo arbitro, il signor Massimo Rolla ma la nuova chiamata video-check di coach Licchelli decreta che non c'è infrazione, 18-17. Cambio nelle fila bianco-azzurre, in campo Calonico su Festi. Arriva la parità a quota 19 con un errore in attacco di Matej Cernic. Un bell'ace di Lorenzo Calonico costringe al secondo time out discrezionale la panchina giallorossa. Su attacco out di Bigarelli, il coach pugliese chiama ancora il video-check per la palla in-out ma la decisione arbitrale resta invariata, 23-20 Tuscania. Il primo set point per i laziali arriva con punto di Buzzelli e un attacco out dei pugliesi chiude il parziale, 25-20. Il terzo set si apre con un equilibrio tra le due formazioni, coach Montagnani sceglie di far partire Calonico al posto di Festi dal primo minuto. Una palla giudicata out dal primo arbitro, il signor Bellini, viene poi ribaltata dalla chiamata del video-check della panchina leccese, 2-3. Arriva subito la risposta del Tuscania che recupera e sorpassa, 6-3. Prima chiamata time out del terzo set, coach Licchelli chiama i suoi per cercare di far tornare la concentrazione, ma al rientro in campo una ricezione slash viene intercettata dal Piscopo. Cambio nelle fila pugliesi, entra Percoco al posto di Astarita. La situazione resta invariata in campo, molti errori da parte giallorossa e un ottimo gioco nel campo bianco azzurro, 10-5. Allungano Cernic e compagni, 13-6. prova a ricucire lo strappo la formazione di Ruiz e compagni ma i tanti errori e le ottime giocate di Pedron con Calonico non permettono il recupero e Tuscania allunga, 17-10. Su attacco out di Buzzelli arriva la chiamata video-check di coach Montagnani ma la decisione resta invariata, 17-13. Cambio nel campo tuscanese, dentro Sorgente fuori Shavrak. Sul 21-16 cambio anche per il palleggio bianco azzurro, dentro Cro'. Secondo time out discrezionale della panchina pugliese, 22-16. Un attacco parallelo da manuale del volley di capitan Cernic fa andare al set point, 24-17. Ci pensa poi Shavrak a chiudere il parziale, 25-18. Tuscania conduce per 2-1. Parte bene il quarto set per Tuscania che si porta subito avanti 2-0. Viene giudicato out un attacco di Shavrak e coach Montagnani chiama il video-check che conferma la decisione arbitrale. Si torna in parità a quota 3. C'è grande equilibrio in campo, con le due formazioni che giocano su ogni palla, 5-5. Tuscania torna a far la voce grossa e prende subito il largo, 9-5. Un muro di Astarita su attacco di Buzzelli fa accorciare le distanze a Taviano che si porta 9-8. Un muro di Calonico su Bigarelli decreta l'undicesimo punto della formazione bianco-azzurra. Il video-check conferma il punto su una splendida diagonale di Cernic, 12-9. Arriva la seconda chiamata video-check della panchina leccese su attacco di Shavrak che viene confermato dentro, 15-10. Su ace di Calonico, coach Licchelli chiama il time out discrezionale, 16-10. Al rientro in campo, una pipe a rete di Ruiz e un attacco out di Bigarelli fanno allungare 18-10 a Tuscania. Entra in campo Percoco su Astarita. Coach Montagnani chiama il time out sul punteggio di 19-13 per cercare di fermare sul nascere la rimonta pugliese, al ritorno in campo Marco Piscopo ferma un attacco di Ruiz. Arriva il match point con un attacco fuori dello spagnolo, 24-13. Un attacco sui nove metri di Bigarelli, annulla il primo. Ci pensa poi Buzzelli a chiudere l'incontro, 25-16.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Quintana, ecco l'istante in cui si infila l'anello
La giostra più difficile che mai

Quintana, ecco l'istante in cui si infila l'anello

Eccoli i signori dell'Anello! Ecco i cavalieri di Foligno alla Quintana del giugno 2018. Ecco il campione della regolarità, il cavaliere Pertinace che porta il Cassero al trionfo beffando Croce Bianca all'ultima manche. Ma ecco soprattutto la magia dello zoom al rallentatore nelle immagini girati dal Corriere dell'Umbria mentre i cavalieri infilzano e infilzano e infilzano (nove volte alla fine) ...

 
Aquarius, odissea finita. E ora cosa accade ai 630 migranti?

Aquarius, odissea finita. E ora cosa accade ai 630 migranti?

Valencia, (askanews) - L'odissea è finita: i 630 migranti a bordo delle navi Aquarius, Dattilo e Orione, hanno finalmente toccato terra, sbarcando a Valencia dopo 9 giorni di navigazione. Ma per loro si apre ora un grande interrogativo sul futuro. Dove potranno vivere? Cosa faranno ora? E soprattutto saranno rispediti nelle loro terre di origine? A quanto annunciato dal premier spagnolo Pedro ...

 
Altro

Borsa: europee chiudono in rosso, a Piazza Affari giù Snam e Poste

Le Borse europee archiviano in rosso la seduta odierna di scambi. I timori per un ulteriore inasprimento della guerra commerciale tra Usa e Cina sui dazi appesantisce i mercati del Vecchio continente che, sulla scia di Wall Street, chiudono con il segno meno, lasciando sul terreno perdite che oscillano tra lo 0,40% di Milano e l’1,36% di Francoforte.  Unica piazza in controtendenza è Londra, che ...

 
A Londra svelata "Mastaba", la nuova opera gigante di Christo

A Londra svelata "Mastaba", la nuova opera gigante di Christo

Londra (askanews) - Esattamente a due anni di distanza dai Floating Piers del Lago d'Iseo, è stata svelata a Londra la nuova opera gigante dell'artista Christo: si chiama Mastaba. E' stata allestita nel lago Serpentine di Hyde Park a Londra. Si tratta di una struttura composta da 7.506 barili colorati che poggiano su una piattaforma di cubetti di plastica. L opera sarà visibile dal 19 giugno fino ...

 
Il mondo della musica piange il maestro Caruso

lutto

Il mondo della musica piange il maestro Caruso

È morto all'età di 82 anni Pippo Caruso, maestro e direttore d'orchestra noto per aver preso parte a numerosi programmi televisivi di successo al fianco di Pippo Baudo, di ...

29.05.2018

È morto Fabrizio Frizzi

LUTTO NELLO SPETTACOLO

È morto Fabrizio Frizzi

Fabrizio Frizzi è morto nella notte per una emorragia cerebrale. Il popolare conduttore televisivo aveva 60 anni.

26.03.2018

Il Festival al duo Meta-Moro

Sanremo

Il Festival al duo Meta-Moro

I vincitori della 68esima edizione del Festival di Sanremo sono Ermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone "Non mi avete fatto niente". Al secondo posto Lo Stato sociale con ...

11.02.2018