Vietato dire non ce la faccio più

Vietato dire non ce la faccio più

Quando "casa loro" non c'è più

10.04.2017 - 15:55

0

Potremmo immaginare il futuro come un gigantesco puzzle. Ogni bambino ne è una tessera. In Siria quel puzzle è incompleto. E’ incompleto perché in Siria c’è la guerra. Banale da dirsi? No, perché in troppi sembrano averlo scoperto solo la scorsa settimana. In troppi sembrano aver scoperto solo adesso, dopo l’attacco con i gas tossici, che in guerra si muore davvero e che muoiono anche i bambini.
Lo sgomento, l’indignazione si sono sollevati solo adesso, ma quella guerra si combatte da anni. Eppure dovremmo saperlo perché su quei barconi che arrivano nelle nostre coste, ci sono quelli che scappano da quella guerra. Quelli che diciamo di non volerci, quelli a cui diciamo, nella migliore delle ipotesi, “aiutiamoli a casa loro”.
Ecco, “casa loro” non c’è, “casa loro” non esiste più. A “casa loro” si muore, ogni giorno, sotto le bombe, respirando gas tossici. “Casa nostra” non è una scelta, è l’unica possibilità che hanno di vivere, è la fuga verso la vita, trainati dall’istinto di sopravvivenza per non essere la tessera mancante di un puzzle che si chiama futuro.
Chissà quali sono i desideri dei bambini siriani. Quelli dei bambini di “casa nostra” li conosciamo bene. Sono desideri che hanno il futuro in sè, la sfrontata arroganza verso la vita che solo un bambino può avere, quella che fa iniziare le frasi con “io vorrei...”, quella che fa dire “da grande farò quello che mi piace fare”, “da grande sarò il miglior pasticcere del mondo”, “da grande farò il capostazione perché mi piacciono i treni”, “da grande sarò una scrittrice perché in italiano sono proprio brava”. Quante emozioni in un bambino che si immagina “grande” perché si immagina felice.
In questi giorni abbiamo visto video e foto di bambini morire “a casa loro”, nell’impotenza di soccorritori eroi che provavano l’impossibile per salvare le tessere del puzzle. Chissà se avevano anche quei bambini l'arroganza dei desideri, chissà se quelli che sono sopravvissuti pensano “da grande...”. Forse sì, forse il loro unico desiderio è “da grande vorrei essere vivo”.
Abbiamo tutti il dovere di non fare di un diritto un privilegio. Diventare grande per i bambini siriani è un privilegio. Restituiamo loro il diritto a desiderare, a vivere.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Gerusalemme capitale, in piazza la rabbia dei palestinesi

Gerusalemme capitale, in piazza la rabbia dei palestinesi

Ramallah (askanews) - Migliaia di palestinesi sono scesi in piazza a Ramallah, in Cisgiordania, una ventina di Km a nord di Gerusalemme, per protestare contro la scelta del presidente americano, Donald Trump di riconoscere proprio Gerusalemme come capitale dello Stato d'Israele, spostandovi da Tel Aviv la sede dell'ambasciata americana. Nel frattempo, Fatah, il movimento del presidente ...

 
Clima Gentiloni: possiamo fare di più e meglio

Clima Gentiloni: possiamo fare di più e meglio

Roma (askanews) - "L'ambiente è uno degli impegni fondamentali di cui c'è un estremo bisogno per questo deve esserci uno sforzo da parte di tutti. Possiamo fare di meglio. In questo anno di governo io ho cercato, a dispetto della mia biografia, di fare qualche sforzo ma dobbiamo fare di meglio e di più". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, intervenendo all'iniziativa dei ...

 
Johannesbourg, migliaia al congresso per eleggere l'erede di Zuma

Johannesbourg, migliaia al congresso per eleggere l'erede di Zuma

Johannesbourg (askanews) - A Johannesbourg, in Sudafrica, migliaia di delegati dell'Anc, il Congresso nazionale africano, partito al potere nel Paese, si sono ritovati sabato 16 dicembre 2017, per eleggere un nuovo capo che possa succedere al contestatissimo Jacob Zuma, accusato di corruzione, frode e riciclaggio di denaro, presidente del Sudafrica dal 2009 e al suo secondo mandato che dovrebbe ...

 
Settimana prenatalizia bella al nord, venti e piogge al Centrosud

Settimana prenatalizia bella al nord, venti e piogge al Centrosud

Milano (askanews) - In Italia lo shopping per gli ultimi regali di Natale sarà accompagnato da un'ondata di grande freddo, soprattutto sulle regioni adriatiche e meridionali. Le correnti gelide che seguono la perturbazione in transito sul nostro Paese, nel corso del fine settimana si propagheranno a tutta la penisola, determinando un marcato rinforzo dei venti da nord e un generale sensibile calo ...

 
Festival di Sanremo 2018: ecco il cast di Baglioni

annuncio in diretta tv

Festival di Sanremo 2018: ecco il cast di Baglioni

L'attesa è finita. Sono stati annunciati in diretta su Rai1, nella notte di venerdì 15 dicembre, i nomi dei 20 big e delle 8 nuove proposte che gareggeranno nel 68esimo ...

16.12.2017

Al Teatro Unione spettacolo dell'Accademia delle Arti Savastano

Viterbo

Al Teatro Unione spettacolo dell'Accademia delle Arti Savastano

Domenica 17 dicembre 2017, alle 18.30, si terrà al Teatro dell’Unione uno spettacolo per la presentazione al pubblico e alla stampa della Accademia delle Arti “Antonio ...

12.12.2017

Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Golden Globe

Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Annunciate a Los Angeles le candidature per la 75esima edizione dei Golden Globe 2018, che si terranno il 7 gennaio al Beverly Hilton Hotel, sede della manifestazione. Bene ...

11.12.2017