Vietato dire non ce la faccio più

Noi, i coetanei di Michele

13.02.2017 - 13:03

0

Un trentenne che si toglie la vita e la sua lettera di addio che, per volontà dei genitori, è stata divulgata. Sta poi alla morale, prima ancora che del giornalista, dell'uomo trattare con assoluto rispetto la vita e la morte di una persona.
Michele si è ucciso a 30 anni e scavare nella sua vita sarebbe non solo privo di etica, ma anche inutile. Ciò che possiamo fare invece è riflettere, leggere il suo j'accuse contro una società del precariato. Perchè quelle righe hanno commosso tutti, ma soprattutto noi, i coetanei di Michele.
Ci siamo rivisti in quelle parole, piene di rabbia e dolore. Noi che sentiamo che qualcuno ci ha portato via sogni e prospettive. Noi che in questa società liquida, come l'aveva definita Zygmunt Bauman, a volte ci sentiamo affogare. Perché anche chi è più fortunato e il lavoro ce l'ha, addirittura "fortunatissimo" perché svolge il lavoro per cui ha studiato, si sente sempre in bilico, oscillando tra contratti per il futuro sì, ma a breve termine. E in un effetto domino quel precariato diventa anche quello dei sentimenti, in cui le certezze terrorizzano e gli impegni diventano qualcosa che non ci sentiamo all'altezza di mantenere. I trentenni di oggi, 10 anni fa non si sarebbero immaginati così. 10 anni fa ci avevano detto che andava bene qualsiasi Facoltà, lavoro c'era per tutti, "un po' di disoccupazione è fisiologica", potevamo sognare un posto fisso, una casa tutta nostra, un matrimonio e dei figli. Quelle aspettative sono state tradite. E allora abbiamo dovuto reinventarci. Abbiamo scoperto che si può stare giornate intere a mandare curriculum vitae a cui nessuno risponderà, abbiamo utilizzato la parola application form almeno una volta al giorno, abbiamo visto i nostri più cari amici partire per cercare lavoro lontano, siamo partiti noi per cercare lavoro lontano, ci siamo formati "meglio e di più" nell'attesa di qualcosa di "meglio e di più", ci siamo scoperti degli ottimi viaggiatori passando buona parte della settimana in auto o su mezzi scomodi e sporchi per poterlo raggiungere quel lavoro che ci teniamo strettissimo, abbiamo imparato che le relazioni non sono più quelle dei nonni "per sempre", ma sono quelle del "giorno per giorno" e ci vuole tanto coraggio a scegliersi di nuovo ogni giorno, abbiamo capito che fare un figlio non è una tappa obbligata, ma una scelta di grande responsabilità che siamo liberi di non fare. Abbiamo imparato che la riconoscenza è un grande valore proprio per le volte che ci è stata negata, quando dopo l'ennesimo mese di stage sottopagato, siamo stati messi da parte per far posto al nuovo stagista da sottopagare. Abbiamo imparato che ci vuole rispetto per le persone più grandi, se però quelle persone più grandi hanno rispetto per noi e un po' di consapevolezza di quanto per noi tante mete siano più complicate da raggiungere. Abbiamo imparato che siamo migliori di quanto pensavamo, che molti dei nostri sogni non si sono realizzati e forse non si realizzeranno mai, ma ce ne sono altri che ci aspettano e che richiedono tutta la nostra fiducia nella vita e nelle nostre capacità. La morte di Michele non sarà stata vana se porterà i trentenni a riflettere su quanto si può essere forti e quelli che i trenta li hanno superati da un pezzo, che c'è da darsi da fare per una generazione-risorsa a cui riconoscere un valore.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Argentina, le nonne di Plaza de Mayo trovano il desaparecido 122

Argentina, le nonne di Plaza de Mayo trovano il desaparecido 122

Buenos Aires, (askanews) - Le nonne di Plaza de Mayo hanno trovato il disperso numero 122. Si tratta di un bambino nato nel 1977 in un carcere clandestino e subito portato via dai genitori per essere affidato a una famiglia ben inserita nel regime. Ad annunciare la notizia è stata Estela del Carlotto, presidente dell'associazione delle "abuelas", le nonne che da decenni cercano di ricomporre le ...

 
Turchia, arrestati oltre 1.000 "sostenitori" di Gulen

Turchia, arrestati oltre 1.000 "sostenitori" di Gulen

Istanbul (askanews) - Le autorità turche hanno confermato l'arresto di oltre 1.000 persone sospettate di appartenere al movimento del predicatore Fethullah G len, accusato dal presidente Recep Tayyip Erdogan di essere il mandante del fallito golpe dello scorso anno: lo ha detto oggi il ministro dell'Interno S leyman Soylu. L'operazione di polizia è stata lanciata questa notte in 81 province. 1....

 
Eliseo 2017, Macron nelle roccaforti della Le Pen: partita aperta

Eliseo 2017, Macron nelle roccaforti della Le Pen: partita aperta

Parigi (askanews) - La partita non è ancora vinta. Emmanuel Macron non aveva bisogno della messa in guardia del presidente uscente Francois Hollande per sapere che in vista del decisivo turno di ballottaggio per le presidenziali francesi non sono ammessi cali di tensione. Pur confortato da sondaggi che lo danno vincente al secondo turno con il 62-64% delle intenzioni di voto e accusato da varie ...

 
Los Angeles inaugura il La La Land Day con una danza in volo
IL VIDEO

Los Angeles inaugura il La La Land Day con una danza in volo

Roma, (askanews) - Los Angeles ha dichiarato il 25 aprile il "La La Land Day" per rendere omaggio al musical premio Oscar ambientato in città. Un gruppo di ballerini ha realizzato una coreografia volante sulla facciata del municipio, a diverse decine di metri d'altezza, alla presenza del regista Damien Chazelle (già autore di "Whiplash"), del compositore della colonna sonora Justin Hurwitz e di ...

 
Elton John ha rischiato di morire

Rara infezione

Elton John ha rischiato di morire

Elton John ha rischiato di morire per una rara infezione contratta mentre era in tour in Sudamerica. Lo fa sapere il portavoce del cantante inglese, che si è sentito male la ...

Palazzo Farnese, la sala dei mappamondi

Caprarola

Palazzo Farnese, la sala dei mappamondi

Domenica 2 aprile come ogni prima domenica del mese l'ingresso allo splendido Palazzo Farnese di Caprarola era gratuito e aperto a tutti. Una ghiotta occasione per ammirarne le ...