Cerca

Martedì 21 Febbraio 2017 | 11:06

Vetralla, "Risorse boschive, si faccia luce sul bando di gestione"

L’appello di Passione civile all’assessore comunale Bacocco

Vetralla, "Risorse boschive, si faccia luce sul bando di gestione"

In questi giorni il gruppo di Passione civile ha ricevuto, per conoscenza, una lettera indirizzata al sindaco, ad assessori comunali, agli Ordini professionali di agronomi e forestali e alla direzione regionale Ambiente in cui alcuni professionisti del settore agricolo-forestale chiedono l’annullamento del bando per l’assegnazione della progettazione del piano di assestamento forestale per la gestione per i prossimi dieci anni delle risorse boschive del Comune di Vetralla. A far allarmare professionisti del settore boschivo, non solo di Vetralla ma di tutta la Regione, sembra ci sia la non legittimità dei criteri per l’assegnazione del punteggio che determinerà il vincitore del bando di gara, che prevede una parcella per il professionista di circa 114mila euro.
“Nello specifico - commentano da Passione civile- nella lettera si legge dell’inopportunità di considerare legittimo il criterio secondo il quale viene assegnata una parte consistente del punteggio (il 25 per cento del totale) al fatto di aver operato nell’ambito forestale comunale impedendo così di fatto, a chi non ha ricevuto incarichi professionali dal Comune di Vetralla, di poter aspirare ad avere l'incarico in questione. Tale criterio viene ritenuto dai firmatari della lettera altamente lesivo della normativa in materia di concorrenza”.
Il gruppo di Passione civile, pur riconoscendo all’assessore Bacocco la capacità di aver finalmente indetto il bando del piano di assestamento, pur con due anni di ritardo, lamenta, qualora siano fondate le perplessità dei mittenti della lettera, il mancato rispetto delle normali regole di democrazia per le quali ogni cittadino è uguale all'altro e soprattutto per le quali tutti i cittadini debbano avere le stesse possibilità nel pieno rispetto della legge. “Per spirito campanilistico - concludono da Passione civile - facciamo il tifo affinché un professionista vetrallese si aggiudichi tale incarico; niente a che vedere però, sulla necessità impellente, che poniamo all’attenzione dell’assessore Bacocco, di fare velocemente luce sull’accaduto, soprattutto per impedire che il nome di Vetralla sia infangato in tutta la nazione”.

A cura di Diana Ghaleb

Più letti oggi

il punto
del direttore