Tuscania, disoccupato dorme in macchina da diverse settimane. Ha perso il lavoro 2 anni fa

Tuscania, disoccupato dorme in macchina da diverse settimane. Ha perso il lavoro 2 anni fa

Da allora la sua vita è stata un calvario

15.04.2013 - 10:07

0

Ha poco più di quarant'anni, M. F. operaio edile di Tuscania. A sedici ha iniziato a lavorare, più per necessità famigliare che per scarso interesse allo studio. Una vita vissuta senza lussi ma sempre dignitosa. Due anni fa l'impresa edile per la quale lavorava ha chiuso i battenti e per lui è iniziato un progressivo disfacimento economico e sociale.

Una vita dedicata al lavoro
lavoro "Per chi come me  vive esclusivamente del proprio lavoro, senza alcun bene immobile - racconta con voce roca M. F. - riuscire ad andare avanti in un piccolo centro come Tuscania, per uno che è disoccupato da troppo tempo, diventa un problema molto serio. Non paghi più l'affitto e ti sfrattano. Non puoi mantenere normali rapporti con gli amici che qualcosa si concedono, magari una pizza, una birra, una sera al cinema o una passeggiata nei paesi limitrofi. Allora all'indigenza si somma anche la solitudine. Non parlo di emarginazione perché nessuno mi ha allontanato. Sono io che ho smesso di frequentare i miei amici perché mi sentivo di peso. Quando non hai i soldi per la benzina devi sempre fare l'ospite nella macchina degli altri. Un mese, due e poi non ce l'ho fatta più. Passo le giornate da solo in giro per Tuscania e nelle campagne limitrofe a cercare asparagi e altri frutti selvatici. Da alcune settimane dormo in macchina perché l'amico che mi ospitava da qualche tempo ha dovuto lasciare i locali che aveva in gestione. La mia situazione è nota ai servizi sociali mami è stato detto e ripetuto che non possono fare niente. La mia domanda per l'assegnazione di una casa popolare è stata accettata ma mi trovo molto basso in graduatoria perché sono solo e non ho altri punteggi da aggiungere". Fino a qualche anno fa a Tuscania era possibile trovare dei lavori saltuari o stagionali in agricoltura che, pur non rappresentando una vera e propria occupazione, permettevano a tante persone di tirare avanti.

Difficile trovare un'occupazione "Non c'è più uno straccio di lavoro da fare - dice l’uomo - L'edilizia è praticamente morta; non c'è più nessun lavoro agricolo stagionale; tabacco, pomodori, fieno e paglia non esistono più. Mi sono rivolto anche a dei politici locali ma nessuno mi ha dato una mano".
Nella storia di M.F. c'è anche qualcosa di più della povertà e dell'autoesclusione sociale. "Come posso ospitare mio figlio se vivo in una macchina - afferma amareggiato - sono separato da diversi anni ma con mio figlio ho sempre mantenuto buoni rapporti. Tutte le volte che voleva stava qualche giorno con me a Tuscania. Quale padre, ottuso che sia, se la sentirebbe di ricevere suo figlio per farlo dormire in una macchina? Ho una vecchia tenda da campeggio e appena arriverà la bella stagione cercherò un posto per montarla ed andrò a vivere lì. Sempre meglio della macchina".

A cura di Fiorenzo De Stefanis

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Presidenziali, Francia al voto: incognite terrorismo e indecisi

Presidenziali, Francia al voto: incognite terrorismo e indecisi

Parigi (askanews) - La Francia si presenta alle urne per l'elezione del nuovo presidente con l'incubo incombente del terrorismo islamista e nel segno dell'incertezza. Mentre il voto per il primo turno ha già avuto inizio all'estero, con St. Pierre e Miquelon che hanno dato il via alle elezioni alle 8 del mattino locali, precedendo Guyana e Antille, l'esito finale resta più che mai incerto. ...

 
Ania, "scatola nera" in auto per polizze e servizi migliori

Ania, "scatola nera" in auto per polizze e servizi migliori

Napoli (askanews) - Al convegno "Black Box" svoltosi a Napoli il 22 aprile 2017 con il patrocinio del Comune, si è parlato di "scatola nera", un congegno elettronico che non viaggia più solo sugli aerei ma sempre più spesso anche sulle auto. Si tratta di un dispositivo elettronico che registra una grande quantità di dati sulla condotta e lo stile di guida di un assicurato, uno strumento utile per ...

 
Orrore in Egitto: video di soldati che uccidono uomini disarmati

Orrore in Egitto: video di soldati che uccidono uomini disarmati

Il Cairo (askanews) - In queste drammatiche immagini, la realtà di una guerra feroce e senza esclusione di colpi. Nel video postato in rete da attivisti dell'opposizione egiziana si vedono soldati in divisa che uccidono a sangue freddo persone disarmate per poi inscenare una falsa ricostruzione al fine di far credere che le vittime siano morte in combattimento. Le esecuzioni sommarie sarebbero ...

 
Palazzo Farnese, la sala dei mappamondi

Caprarola

Palazzo Farnese, la sala dei mappamondi

Domenica 2 aprile come ogni prima domenica del mese l'ingresso allo splendido Palazzo Farnese di Caprarola era gratuito e aperto a tutti. Una ghiotta occasione per ammirarne le ...

Raffaella Fico: "Sposerò Alessandro Moggi"

Annuncio a sorpresa

Raffaella Fico: "Sposerò Alessandro Moggi"

“Ci siamo fidanzati 11 mesi fa ma il nostro è stato davvero amore a prima vista e Alessandro mi ha chiesto di sposarlo dopo appena due mesi che uscivamo insieme”. Lo ha rivelato ...