Moscherini: se vinco Vittorio Sgarbi sarà il mio assessore alla Cultura

Tarquinia

Moscherini: se vinco Vittorio Sgarbi sarà il mio assessore alla Cultura

08.05.2017 - 13:13

1

Gianni Moscherini non è un candidato qualsiasi: è un “cavallo di razza” della politica, si sarebbe detto anni fa, e non intende la partecipazione alle elezioni di Tarquinia in senso decoubertiniano; vuole vincere, e per farlo sta allestendo una “squadra” di alto profilo. La notizia delle ultime ore è che il critico d’arte Vittorio Sgarbi farà parte di quella squadra; non sarà una presenza di facciata: Sgarbi infatti, se Moscherini vincerà le elezioni, sarà il nuovo assessore alla Cultura di Tarquinia.
Tra Sgarbi e Moscherini non ci sono stati semplici “contatti”, ma un’amicizia e una stima vere, figlie di una conoscenza ventennale che coinvolge anche Daniela Bordo, presidente dell’associazione che sostiene la candidatura dell’ex sindaco di Civitavecchia a primo cittadino di Tarquinia. “Sgarbi e Moscherini - spiega Daniela - si sono incontrati venerdì scorso a casa del critico a Roma. Mentre si parlava è venuto fuori il discorso della candidatura e Sgarbi ha detto ‘certo sarebbe bello...’. E così da un ragionamento generico si è andati nello specifico ed è venuta fuori l’idea di un assessorato davvero pesante.
Ma non è tutto, perché da quanto trapela Sgarbi si presenterà con il suo simbolo “Rinascimento” a sostegno di Moscherini, dunque con una sua lista, e parteciperà alla competizione elettorale. Un colpo a sorpresa che spariglia ancor più le carte, su un “tavolo” dove nulla è scontato, con gli schieramenti tradizionali frazionati e la variabile Movimento 5 Stelle. Dall’associazione che sostiene Moscherini non trapela null’altro circa il resto della “squadra” di governo, ma è chiaro che è già fatta o quasi, e che si punterà sulla competenza. Per quanto riguarda il programma, la collaborazione con Sgarbi già prefigura un forte impulso alla tutela e alla promozione in chiave turistica dell’immenso patrimonio storico-artistico del comprensorio. “Tarquinia deve diventare la capitale dell’Etruria - dice Daniela Bordo - è una città che è stata spogliata della sua essenza, e ora dobbiamo cercare di rivestirla, perché negli ultimi anni non è stato fatto nulla”.
Moscherini l’altro giorno in conferenza stampa aveva detto “bisogna far rinascere Tarquinia perché negli ultimi 50 anni di amministrazioni nullafacenti è stato demolito questo patrimonio che, prima che dell’umanità e quindi dell’Unesco, è patrimonio di chi ci vive, di chi lo amministra, di chi lo governa anche a livello regionale e nazionale. Se il piano regolatore di questa cittadina storica risale al 1975 - aveva chiosato - vuol dire che qui non c’è stato nessun politico che abbia pensato in grande e abbia proposto un progetto serio”.
“Dobbiamo ripartire subito dalla cultura etrusca e far diventare Tarquinia degna di essere rinominata capitale dell’Etruria - aveva aggiunto - Tarquinia ha dato i veri natali al mondo romano”.
Per andare al concreto, il candidato sindaco pensa “ad un nuovo sistema di musealizzazione in loco di tutto ciò che sta sotto terra”. Sempre in sede di conferenza stampa, a questo proposito ha fatto sapere di avere parlato anche con esperti che in Finmeccanica si occupano di droni: “Si possono fare radiografie che mettano in evidenza ciò che giace fino a 60 metri di profondità, per verificare i luoghi nei quali ci sono persistenze etrusche e di che tipo. Una cosa del genere può produrre crescita turistica e posti di lavoro”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • leobello969

    18 Maggio 2017 - 19:07

    Sarebbe importante renderci conto che si potrebbe vivere di turismo visto la bellezza di Tarquinia.. Non è seconda a nessuno a livello storico visto che molti nostri reperti archeologici fanno importante villa Giulia a Roma, visitata da migliaia di persone.. Invece del nostro museo e del sito archeologico delle Tombe Etrusche...sarebbe ora di valorizzare le nostre potenzialità...

    Report

    Rispondi

Più letti oggi

Mediagallery

Altro

Europa chiude debole, bene Milano

Le borse europee chiudono poco mosse l'ultima seduta della settimana, a eccezione di Milano che - complice la 'correzione' di Juncker sulla stabilità politica in Italia - recupera la flessione. Milano guadagna lo 0,93%, lo spread tra Btp e Bund si attesta a 141 punti. In territorio positivo Francoforte +0,18% e Parigi +0,15%, in flessione Londra - 0,11%. A Piazza Affari ben comprati i bancari, le ...

 
Altro

M'illumino di meno, luci spente al Palazzo dell'Informazione

Luci spente sulla facciata del Palazzo dell'Informazione. Questo il segnale - alle 18.00 in punto - dell'adesione del gruppo AdnKronos a 'M'illumino di Meno', iniziativa lanciata dalla trasmissione di Radio2 'Caterpillar' per la Giornata nazionale del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili

 
Il Festival al duo Meta-Moro

Sanremo

Il Festival al duo Meta-Moro

I vincitori della 68esima edizione del Festival di Sanremo sono Ermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone "Non mi avete fatto niente". Al secondo posto Lo Stato sociale con ...

11.02.2018

Michelle Hunziker: "Niente sesso negli anni più belli della mia vita"

La rivelazione

Michelle Hunziker: "Niente sesso negli anni più belli della mia vita"

Michelle Hunziker, ospite della trasmissione Quarto Grado, ha raccontato quali sono state le imposizioni alle quali doveva sottostare imposte dalla setta dei Gelsomini di cui ...

15.01.2018

DiCaprio nel nuovo film di Tarantino su Charles Manson

Cinema

DiCaprio nel nuovo film di Tarantino su Charles Manson

Leonardo DiCaprio e Quentin Tarantino di nuovo insieme. La star di Hollywood sarà nel cast del nuovo film del regista dopo aver collaborato nel 2012 per Django Unchained. Sul ...

13.01.2018