Cerca

Giovedì 08 Dicembre 2016 | 17:02

VITERBO

Nella Tuscia si i il alza il muro
per l'arrivo di nuovi rifugiati

rifugiati

 Si alza il muro per l’arrivo di altri immigrati nella Tuscia. La situazione si sta facendo ogni giorno che passa più esplosiva. Non solo a Tarquinia, dove ieri si è celebrato un accesissimo Consiglio comunale per il prossimo arrivo dei richiedenti asilo nell’ex polveriera, ma anche a Canino dove alcuni progetti di accoglienza promossi dai privati che hanno risposto ai bandi della Prefettura stanno creando ansia tra la popolazione. A Tarquinia non si è arrivati a votare nessun documento: all’assise erano presenti numerose persone e più volte la tensione è salita alle stelle. Il sindaco Mazzola ha chiesto di votare un documento unitario per chiedere che il Comune non venga escluso dalle decisioni. Più o meno la stessa decisione del Consiglio comunale di Canino - dove attualmente in due strutture vengono accolti 80 immigrati - che ha “congelato” tutte le procedure in atto per promuovere nuovi progetti di accoglienza. L’Arci, intanto, invita tutti a promuovere il modello dell’accoglienza diffusa.

ARTICOLO COMPLETO

SUL CORRIERE DI VITERBO

DEL 29 LUGLIO 2017

Più letti oggi

il punto
del direttore