Cerca

Martedì 28 Febbraio 2017 | 17:50

"Il 31 dicembre senza fuochi d'artificio per il bene degli animali e l'incolumità delle persone"

L'appello della Lav ai sindaci di Tuscia e Maremma: "emanare ordinanze simili a quelle emesse da numerose città che vietino l’utilizzo di petardi e botti di ogni genere"

"Il 31 dicembre senza fuochi d'artificio per il bene degli animali e l'incolumità delle persone"

"Botti di Capodanno, pericolosi per animali e persone" e la Lav chiede ai sindaci di vietare l’utilizzo di petardi e botti sul territorio comunale. Rinnovata la richiesta di emanare ordinanze simili a quelle emesse da ormai numerosi paesi e città che vietino l’utilizzo di petardi, botti e artifici pirotecnici di ogni genere sui territori: questa è la richiesta della Lav ai sindaci di tutta la Tuscia e la Maremma affinché i festeggiamenti di Capodanno non si traducano in una tragedia per gli animali, oltre che per salvaguardare l’incolumità delle persone. "Ormai è risaputo, il fragore dei botti, oltre a scatenare negli animali una naturale reazione di spavento, li porta a perdere l’orientamento, esponendoli al rischio di smarrimento e-o investimento. Le conseguenze – si legge nella nota - potrebbero anche essere molto più drammatiche se i botti colpissero gli animali, causandone il ferimento o la morte. Gli animali, inoltre, hanno l’udito molto più acuto di quello umano e i forti rumori li gettano nel panico, inducendoli a reazioni istintive e incontrollate". Ogni anno sono tantissime le segnalazioni di cani e gatti smarriti dopo l'ultimo giorno dell'anno. "La Lav rinnova l'appello anche al senso di responsabilità dei cittadini affinché scelgano di non sparare petardi e botti di qualsiasi tipo, consapevoli delle conseguenze che possono avere sulla sicurezza propria e degli altri" e ha stilato una lista di consigli pratici per proteggere gli animali: "non lasciate che i cani affrontino in solitudine le loro paure e togliete ogni oggetto contro il quale, sbattendo, potrebbero procurarsi ferite; evitate di lasciarli all'aperto per evitare la fuga; non teneteli legati alla catena perché potrebbero strangolarsi;  non lasciateli sul balcone perché potrebbero gettarsi nel vuoto; dotateli di tutti gli elementi identificativi possibili; se si nascondono in un luogo della casa, lasciateli tranquilli; cercate di minimizzare l'effetto dei botti tenendo accese radio o tv; prestate attenzione anche agli animali in gabbia e non teneteli sui balconi; nei casi di animali anziani, cardiopatici e/o particolarmente sensibili allo stress dei rumori rivolgersi con anticipo al proprio veterinario di fiducia; se l’animale scompare presentate subito una denuncia di smarrimento, e seguire i consigli riportati sul sito Lav".

Più letti oggi

il punto
del direttore