"Mani unite per il nostro futuro" questo lo slogan per gli studenti del liceo Meucci

Gli alunni stanno autogestendo la struttura da martedì, nel corso della settimana sono state organizzate svariate attività. La decisione deriva dal malcontento per il "disfacimento della scuola pubblica"

29.11.2012 - 14:56

0

"Mani unite per il nostro futuro" è con questo slogan che il liceo scientifico Meucci di Ronciglione ha espresso il suo dissenso contro la legge Aprea e tutte le decisioni prese a svantaggio della scuola pubblica. Gli studenti, dopo varie assemblee e consigli, con la partecipazione dei docenti, hanno deciso di organizzare un'autogestione, iniziata martedì 27, organizzando un programma dettagliato di attività alternative alle normali lezioni didattiche, alle quali sta tuttora partecipando l'intera scuola. Per la prima volta gli alunni del liceo di Ronciglione, votando democraticamente, hanno scelto proprio questa forma di protesta per contrastare la privatizzazione delle scuole italiane. In questi giorni si stanno svolgendo numerosi corsi tra i quali lezioni di arte, musica, fotografia, informatica e molto altro, tutto a cura di studenti preparati. Nella prima giornata gli studenti si sono riuniti nei locali del teatro “Petrolini” di Ronciglione per la visione del film "Quasi amici", finanziando loro stessi il progetto. Nelle ore a seguire si sono riuniti nella palestra comunale, in cui si è svolto un dibattito intitolato “Dal ‘68 ad oggi” in modo tale da far crescere in ogni alunno quel sentimento di collaborazione che può portare finalmente ad una scuola migliore. "Non solo non siamo d’accordo con il disfacimento della scuola pubblica – si legge in una nota - ma stiamo facendo di tutto per impedirlo, imbiancando le aule, preparando striscioni, insegnando ai più piccoli di noi il rispetto, la libertà ma soprattutto il diritto allo studio, qualunque sia l'etnia, la possibilità economica o il ceto sociale. I professori stessi hanno appoggiato le attività da noi create, partecipando alla loro organizzazione. Questo movimento di protesta si concluderà sabato 1° dicembre con un restauro della scuola, che comprenderà l'imbiancatura delle aule e la pulizia delle stesse e dei cortili". Oltre all'autogestione, gli studenti si sono impegnati nel rendere visibile la manifestazione autorizzata prevista per il giorno venerdì 30 in piazza della Nave, nel centro di Ronciglione, alla quale sono stati invitati gli studenti di tutte le scuole della Tuscia. "Questo invito è rivolto a tutti gli studenti e professori accomunati dallo stesso malcontento – concludono - in modo tale che questa voce possa farsi sentire più forte".

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Elton John ha rischiato di morire
Rara infezione

Elton John ha rischiato di morire

Elton John ha rischiato di morire per una rara infezione contratta mentre era in tour in Sudamerica. Lo fa sapere il portavoce del cantante inglese, che si è sentito male la settimana scorsa sul volo di ritorno da Santiago del Cile. Ricoverato in terapia intensiva a Londra l'artista, 70 anni, ora sta meglio ed è a casa, ma ha dovuto annullare un paio di concerti negli Stati Uniti. Il ritorno ...

 
Addio bottigliette, arriva Ooho l'acqua in capsula

Addio bottigliette, arriva Ooho l'acqua in capsula

Un futuro senza bottigliette di plastica è possibile secondo gli ingegneri e i ricercatori di Skipping Rocks Lab che hanno brevettato Ooho, delle sfere commestibili che somigliano a gocce d'acqua.

 
Damien Hirst a Venezia: tutto è vero, anche il contrario

Damien Hirst a Venezia: tutto è vero, anche il contrario

Venezia (askanews) - C'era una volta. Comincia così, come le favole e come i miti, la storia dell'ultimo, enorme progetto di Damien Hirst, maestosamente svelato a Palazzo Grassi e Punta della Dogana a Venezia, la città che unisce il drammatico fascino di un impossibile mondo di bellezza decadente e l'autorigenerante energia dell'arte contemporanea, naturalmente impersonata dalla Biennale. ...

 
A Tokyo Maria Grazia Chiuri presenta la collezione Dior

A Tokyo Maria Grazia Chiuri presenta la collezione Dior

Roma, (askanews) - A Tokyo la collezione Dior è sul tetto di un grande magazzino a Ginza. La stilista Maria Grazia Chiuri: "Sono stata diverse volte in Giappone in passato, è un paese bellissimo. Adoro le sue creazioni artigianali. Sono piene di umanità e in questo sono vicine alla cultura francese e alla mia cultura italiana. Lavoro in questa compagnia con lo stesso atteggiamento. Rispetto il ...

 
Elton John ha rischiato di morire

Rara infezione

Elton John ha rischiato di morire

Elton John ha rischiato di morire per una rara infezione contratta mentre era in tour in Sudamerica. Lo fa sapere il portavoce del cantante inglese, che si è sentito male la ...

Palazzo Farnese, la sala dei mappamondi

Caprarola

Palazzo Farnese, la sala dei mappamondi

Domenica 2 aprile come ogni prima domenica del mese l'ingresso allo splendido Palazzo Farnese di Caprarola era gratuito e aperto a tutti. Una ghiotta occasione per ammirarne le ...