Cerca

Martedì 24 Gennaio 2017 | 12:07

Trovato proiettile nel deposito del lago di Vico

Il primo reperto venuto alla luce dalla bonifica è un shrapnel di 75 millimetri utilizzato dagli alpini

Emerso il primo reperto dalla bonifica del deposito Nbc del lago di Vico. I lavori cominciano così a dare i primi frutti. Nel primo carotaggio si rilevarono tracce di metalli ora, iniziata la bonifica, è invece emerso il primo reperto. Si tratta di un proiettile da artiglieria di 75 millimetri, conosciuto nell’ambiente come shrapnel, utilizzato per diverso tempo dalle truppe alpine. L’esemplare è stato recuperato con tutti i crismi della sicurezza e trasportato al centro tecnico Nbc della Difesa di Santa Lucia a Civitavecchia,specializzato per l’identificazione, per il recupero, lo stoccaggio e la distruzione delle armi chimiche vecchie e/o abbandonate rinvenute sul territorio nazionale. Gli specialisti dovranno ora appurare se il proiettile sia da classificarsi come pericoloso, in quanto i 75 millimetri, per la loro struttura, possono contenere aggressivi chimici o biologici. La domanda sorge spontanea: sarà il solo ed unico ritrovamento nell’ambito della bonifica o ci aspettano nuove e più allarmanti sorprese? Anni fa, nel corso di alcuni lavori, vennero rinvenuti, sotterrati a ridosso della recinzione che si affaccia sulla strada, parecchi contenitori di fosgene, bombole cilindriche più o meno rassomiglianti ai contenitori dell’acetilene. Ciò significa che la bonifica dell’area, finalmente in corso, era quindi indispensabile.


Servizio completo sul Corriere di Viterbo del 1 novembre 

Più letti oggi

il punto
del direttore