Abusivismo in materia di pacchetti turistici, la Provincia scende in campo al fianco di agenzie e consumatori

Abusivismo in materia di pacchetti turistici, la Provincia scende in campo al fianco di agenzie e consumatori

L’assessorato al Turismo della Provincia di Viterbo, in stretta collaborazione con la Polizia provinciale, ha avviato delle iniziative di contrasto

23.04.2013

0

Abusivismo in materia di pacchetti turistici, la Provincia scende in campo al fianco di agenzie e consumatori. L’assessorato al Turismo della Provincia di Viterbo, in stretta collaborazione con la Polizia provinciale, ha avviato delle iniziative di contrasto all’abusivismo in materia di organizzazioni di pacchetti di viaggio. Il tutto attivando procedure di contestazione per i casi in cui sono risultate ipotizzabili violazioni della normativa regionale in materia.

L'assessore Danti  "La legge regionale n° 13/2007 – ha specificato l’assessore Danti - prevede che tale attività sia prerogativa esclusiva delle agenzie di viaggio e turismo. Ciò, soprattutto a garanzia dell’utente finale, in termini di qualità, assicurazioni e diritto al risarcimento in caso di difformità tra il programma proposto e l’effettiva fruizione dei servizi. Purtroppo abbiamo verificato che, al contrario, diversi soggetti, a vario titolo e spesso per mancata conoscenza della normativa regionale, organizzano e pubblicizzano pacchetti turistici di più giorni senza fare riferimento alle agenzie di viaggio, esponendosi così al rischio di sanzioni che vanno dai 5mila ai 10 mila euro".  Infatti, se è vero che la normativa regionale (L.R. 13/2007, art. 40) consente, ad “associazioni ed  altri enti senza scopo di lucro, gruppi sociali e comunità, operanti a livello locale” qualche margine di autonomia in materia, è altrettanto vero che l’organizzazione diretta da parte di tali soggetti è da intendersi ristretta a “gite occasionali riservate esclusivamente ai propri associati o appartenenti” e a condizione che “venga stipulata un’assicurazione a copertura dei rischi derivanti ai partecipanti dall’effettuazione di ogni singola iniziativa”. “Il contrasto all’abusivismo – ha concluso Danti - diviene uno dei cardini su cui l’assessorato provinciale al Turismo incentrerà l’attività nei prossimi mesi. Tutto ciò a tutela del consumatore e delle agenzie che svolgono con grande professionalità il loro lavoro, per l’esercizio del quale assolvono a tutti gli obblighi giuridici ed economici previsti dalla normativa anche in un momento di grande difficoltà come quello attuale”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery