Cerca

Domenica 19 Febbraio 2017 | 17:40

Aree verdi di Montefiascone. La gestione ai privati, il consiglio comunale approva

Proposta della minoranza: "Affidarle a soggetti competenti (come i vivai), non a semplici cittadini"

Aree verdi di Montefiascone. La gestione ai privati, il consiglio comunale approva

Nell’ultima seduta, il Consiglio comunale ha approvato il regolamento per gestire le aree verdi. Ecco il dibattito che ne è nato, tra i membri dell’opposizione e la maggioranza guidata dal sindaco Luciano Cimarello. Il primo a prendere posizione è stato Massimo Ceccarelli: “Considero valida l’opportunità contemplata nel regolamento, che riguarda l’affidamento della manutenzione delle aree verdi a soggetti richiedenti, quali ad esempio vivai ma anche semplici cittadini - ha detto al sindaco il consigliere -. Tuttavia, ci sono anche degli aspetti negativi in questo”.
L’ex assessore all’Urbanistica con Andrea Danti sindaco, spiega gli aspetti poco chiari: “Un conto è la cura di una zona verde da parte di un vivaio, che ha competenza, esperienza e tecniche idonee, un conto è un cittadino privato”. Interviene anche l’altro consigliere di minoranza, Massimo Paolini, che mette dei paletti: “Per i vivai o operatori commerciali affini che prenderanno in gestione un'area verde, è data la possibilità di apporre dei cartelli pubblicitari della propria attività. Che tipo di cartelli pubblicitari potranno installare? Se questi dovessero deturpare l'ambiente, non sarebbe più un’iniziativa così positiva”.
Risponde in modo lapidario il primo cittadino Cimarello: “E’ tutto disciplinato nel regolamento, compreso il discorso dei pannelli pubblicitari, che dovranno essere concordati in termini di tipo e dimensioni con l’ufficio competente in materia”. Dopo di che, ha preso la parola Luca Bella canzone, un altro consigliere di minoranza, o meglio di uno dei due gruppi consiliari che stanno all’opposizione della maggioranza guidata da Cimarello e dal presidente del Consiglio comunale, il sempreverde Mario Trapè: “Nel caso in cui, ad esempio, una precisa area venga richiesta da più soggetti, come si procederà?”. Ancora più laconicamente di prima, Luciano Cimarello ha risposto: “Verrà fatta una selezione”.
Il Consiglio comunale ha votato il nuovo regolamento sulle aree verdi con 15 voti favorevoli su 16componenti presenti (mancava il capogruppo di maggioranza Massimo Ciucci), tra i quali un astenuto: Raffaele Morleschi, del gruppo del Popolo della libertà.

A cura di Alessandro Quami

Più letti oggi

il punto
del direttore