Le notizie in... differenti

L'America nera di Suburbicon

06.12.2017 - 16:15

0

Suburbicon è un'idilliaca cittadina americana alla fine degli anni Cinquanta. Un pacifico reggimento di villette a schiera, Suburbicon custodisce famiglie felici e spensierate, amore, frugoletti, decoro, pratini pettinati. Ma l’apparenza non deve ingannare. Basta che nel paradiso arrivi una famiglia nera per mandare in cortocircuito i benpensanti e basta entrare in una delle casette per capire che i buoni sentimenti nascondono ipocrisie, violenza, raggiri, crudeltà a non finire.
Suburbicon è un film diretto da George Clooney ed è tratto da un vecchio copione dei fratelli Cohen, sulfurei osservatori dello spirito americano. Una favola nerissima che, a dispetto delle date, parla dell’attualità e delle sue maschere terribili.
Senza generalizzare, ci pare non solo un metafora, ma un laboratorio da cui guardare l’America e quello che vi sta succedendo. A cominciare da un’altra Casa, quella in cui risiede il Presidente degli Stati Uniti, che da quasi un anno si chiama Donald Trump. Ora, a Donald si possono fare tutti gli appunti che si vogliono, ma non si può dire che sia un uomo che non mantiene le promesse. Aveva annunciato di voler chiudere le frontiere agli indesiderati che minacciano la quiete degli inquilini di quelle casette a schiera, delle farm disperse nel ventre degli Usa e dei sobborghi degradati dove si raccolgono gli espulsi da quello che avrebbe dovuto essere l’American Dream? Bene, dopo una lunga procedura, la Corte Suprema ha sancito che può entrare in vigore il Muslim Ban, il divieto d’ingresso per i cittadini di sei paesi a maggioranza musulmana. Mancano ancora alcuni adempimenti, ma il muro promesso comincia ad essere tirato su. Non solo, il Presidente, tanto per gettare acqua sul fuoco che rischia di divampare nel Medio Oriente, ha fatto un altro annuncio: il possibile spostamento dell’ambasciata americana in Israele da Tel Aviv a Gerusalemme, ciò che implicherebbe un riconoscimento di fatto della capitale del paese.
Una decisione che rischia di alzare ancor più un livello di tensione di per sé già altissimo. Vero è che, nella sua Casa, Donald procede imperterrito, senza mezze misure e secondo un principio brutale di efficienza che al detto fa seguire il fatto.
Così, il paradiso si chiude su se stesso, a protezione della sua ricchezza minacciata, innalza barriere verso l’esterno e divide il mondo fra i buoni e cattivi da tenere lontani e, nel caso alzassero le pretese, distruggere. Non basta, perché nel Paese in cui la Vita e lo Spettacolo si intrecciano in modo indissolubile e la finzione diventa più vera della realtà, si è aperta un’altra crepa.
Ricorderete lo scandalo legato a Harvey Weinstein, il satiro bulimico di Hollywood, ebbene l’ondata di sdegno si è abbattuta sui perversi del sistema e ha trangugiato anche il protagonista di House of Cards, Kevin Spacey. Sull’attore si è riversato un fiume di rivelazioni - tutte a scoppio ritardato secondo un costume non certo lodevole - che lo accusando molestie, abusi e festini disonorevoli. E allora ecco la produzione della serie che decide di sloggiarlo dalla Casa Bianca, non sarà più il Presidente Frank Underwood e lascerà il campo alla moglie Claire/Robin Wright. Insomma, è un’America doppiamente nuda quella che stiamo vedendo. Un’America che dietro al quadretto pastello manifesta la logica della forza e del più forte. E, insieme, un’America che toglie il velo dell’ipocrisia e colpisce i reprobi. Due facce diverse, ma su entrambe le quali si allunga il rischio del leaderismo tracimante e della maggioranza silenziosa che prevarica e crea un nuovo, minaccioso, conformismo.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Open Fiber investe 8 milioni per portare fibra ottica all'Aquila

Open Fiber investe 8 milioni per portare fibra ottica all'Aquila

Roma, 14 dic. (askanews) - Open Fiber porta la fibra ottica all'Aquila. La società di Enel e Cassa depositi e prestiti per la posa della rete in banda ultralarga cablerà a partire da gennaio prossimo 23mila unità immobiliari. Alla firma dell'accordo avvenuta nella sede del capoluogo abruzzese hanno partecipato il sindaco, Pierluigi Biondi e il responsabile Network area centro di Open Fiber, ...

 
Spazio, i 139 giorni in orbita sul'Iss di @Astro_Paolo

Spazio, i 139 giorni in orbita sul'Iss di @Astro_Paolo

Karaganda, Kazakhstan (askanews) - Pollice in su, aria provata ma anche un sorriso rassicurante. Dopo quasi 139 giorni in orbita sulla Stazione spaziale internazionale, l'astronauta italiano dell'Esa Paolo Nespoli è tornato sulla Terra assieme ai suoi colleghi della Expedition 52-53, il cosmonauta russo Sergei Ryazansky e l'americano Randy Bresnik. Si conclude così la missione Vita dell'Agenzia ...

 
"Brexit o Euxit", sfide e opportunità del divorzio Ue-Londra

"Brexit o Euxit", sfide e opportunità del divorzio Ue-Londra

Roma, (askanews) - In vista della seconda fase di trattative tra Ue e Londra per la Brexit, si fanno i bilanci di quello che è stato e di quello che sarà. Nel corso del convegno "Brexit o Euxit", promosso dall'associazione Scossa, si è discusso delle prospettive che si aprono con il divorzio dalla Gran Bretagna e l'onorevole Daniele Capezzone ha parlato della vera sfida della Brexit. "E' ...

 
Potere femminile e policentrico: come cambia il sistema dell'arte

Potere femminile e policentrico: come cambia il sistema dell'arte

Milano (askanews) - Un sistema dell'arte meno maschile, meno legato al denaro e più aperto alle novità, siano esse filosofiche, di genere o tecnologiche. Dall'annuale classifica di Art Review sui cento personaggi più influenti nella variegata costellazione dell'arte contemporanea si svela uno scenario decisamente diverso rispetto al 2016, quando dominavano solidi curatori e famosi galleristi. ...

 
Al Teatro Unione spettacolo dell'Accademia delle Arti Savastano

Viterbo

Al Teatro Unione spettacolo dell'Accademia delle Arti Savastano

Domenica 17 dicembre 2017, alle 18.30, si terrà al Teatro dell’Unione uno spettacolo per la presentazione al pubblico e alla stampa della Accademia delle Arti “Antonio ...

12.12.2017

Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Golden Globe

Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Annunciate a Los Angeles le candidature per la 75esima edizione dei Golden Globe 2018, che si terranno il 7 gennaio al Beverly Hilton Hotel, sede della manifestazione. Bene ...

11.12.2017

Al Teatro dell'Unione il concerto della Banda dei Carabinieri

Viterbo

Al Teatro Unione il concerto della Banda dei Carabinieri

Concerto della Banda dell'Arma dei Carabinieri al Teatro dell'Unione di Viterbo. Giovedì 14 dicembre 2017 la Fondazione Carivit festeggia in musica i 25 anni dall'istituzione....

09.12.2017