Automobilisti italiani ancora troppo poco connessi

FUORI GIRI

Automobilisti italiani ancora troppo poco connessi

10.01.2018 - 14:44

0

Bluetooth, navigatori superintelligenti, Comand computerizzati. E chi più ne ha, di innovazioni connesse e interconnesse con smartphone e internet, ne metta. Che le tecnologie progrediscano, e che lo facciano rapidamente, è sotto gli occhi di tutti. La strada da percorrere perché l’auto connessa trovi piena diffusione è però ancora lunga e passa prima di tutto dall’attitudine degli automobilisti.

Nel mondo, ma anche - e soprattutto - in Italia. Il 32% dei guidatori italiani, infatti, non utilizza attivamente le funzionalità della proprio auto connessa, dato che comprende un 16% che non sa nemmeno se il proprio veicolo è dotato di tecnologia. A rilevarlo è la seconda edizione di Connected Car, lo studio sulle attitudini e il comportamento di acquisto, di oltre 8.500 automobilisti in tutta Europa, Nord America e Cina, condotto da Kantar Tns. Da questo punto di vista, il Belpaese fa peggio sia dell’Europa, dove le percentuali sono rispettivamente del 29% per il mancato utilizzo e del 15% per la mancata conoscenza, che del mondo, dove gli stessi dati si attestano rispettivamente al 25% e all’11%.

D’altra parte, la stessa indagine mostra come le case automobilistiche non abbiano ancora convinto del tutto i guidatori rispetto ai vantaggi delle nuove funzioni. Il 56% dei conducenti mondiali, il 58% di quelli europei e il 68% di quelli italiani - tra chi ha provato questi servizi al momento dell’acquisto - non è sicuro che li sceglierà di nuovo e dichiara di non pensare di utilizzarli in futuro.


«Nella mente di molti proprietari di automobili la connettività è qualcosa di complesso», ragiona Andrea Galimberti, practice head automotive di Kantar Tns, segnalando che «l’opportunità per i produttori di auto è oggi quella di riuscire a rendere le funzionalità di connessione più accessibili, personalizzate e rilevanti per l’esperienza di guida. Ma per questo devono dimostrarne agli utilizzatori l’impatto e il valore, aumentarne l’uso, creare fiducia». Dal punto di vista dei consumatori - sia italiani che globali - la connettività ha valore soprattutto se applicata a sicurezza, navigazione e tutela del trattamento dati. E questo è certamente un punto di partenza. Così come è chiaro che gli automobilisti più all’avanguardia sono i proprietari di brand premium, meglio disposti a pagare per le funzionalità connesse rispetto a chi sceglie marchi generalisti. Tra i mercati maturi, poi, il più promettente da questo punto di vista è quello della Cina.

Il 75% dei conducenti cinesi è ricettivo rispetto alle innovazioni in termini di guida autonoma e il 79% dichiara che il prossimo veicolo che acquisterà sarà connesso; percentuali che scendono rispettivamente al 36% e al 53% in Europa. E in Italia? Il 45% degli automonilisti guarda con interesse alla vettura che si guida da sola e il 60% sceglierà un’auto connessa al momento del prossimo acquisto.

Marco Valsecchi

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Nel Grafene una proprietà che rivoluzionerà le comunicazioni

Nel Grafene una proprietà che rivoluzionerà le comunicazioni

Milano (askanews) - Scoperta nel grafene una straordinaria capacità che potrebbe portare a una rivoluzione nello sviluppo di dispositivi ottici miniaturizzati con lo sfruttamento di frequenze precedentemente inutilizzate per trasmettere su banda larga una grandissima quantità di dati in modo estremamente veloce. Nel maggio 2018, infatti, i ricercatori del progetto Graphene Flagship hanno mostrato ...

 
Agenzia Entrate: sanatoria cartelle? Se nuove norme le attueremo

Agenzia Entrate: sanatoria cartelle? Se nuove norme le attueremo

Roma, (askanews) - "Consentitemi di non rispondere a domande di questo tipo perchè mi sembra che sia nel campo delle dichiarazioni e delle ipotesi quindi attendiamo di capire le norme e poi come sempre, come Agenzia delle entrate, le attueremo". E' quanto ha risposto il vicedirettore dell'Agenzia delle Entrate, Paolo Savini, a chi domandava, a margine di un evento al Cnel, se annunci di nuove ...

 
Altro

Dalla Regione Lazio la prima legge su rider

Più diritti, più tutele, più innovazione in materia di salute e sicurezza per i lavoratori della gig economy. E’ questa in sintesi la proposta di legge sui ‘lavoratori digitali’, già approvata in Giunta, presentata dal governatore del Lazio, Nicola Zingaretti. L’amministrazione parteciperà con uno stanziamento di 2 milioni di euro per il biennio 2019-2020.

 
Altro

Torna l'avventura di Overland, missione India

Un viaggio entusiasmante attraverso riti, culture e paesaggi mozzafiato in 8 imperdibili puntate. Torna l'avventura di Overland. Questa volta i mezzi motorizzati partiranno dal Kerala, la parte più a Sud dell’India, per poi transitare via terra attraverso tutta la penisola esplorando foreste impenetrabili alla ricerca di tigri, solcando gli aridi deserti del Rajastan con i suoi maestosi palazzi, ...

 
Il mondo della musica piange il maestro Caruso

lutto

Il mondo della musica piange il maestro Caruso

È morto all'età di 82 anni Pippo Caruso, maestro e direttore d'orchestra noto per aver preso parte a numerosi programmi televisivi di successo al fianco di Pippo Baudo, di ...

29.05.2018

È morto Fabrizio Frizzi

LUTTO NELLO SPETTACOLO

È morto Fabrizio Frizzi

Fabrizio Frizzi è morto nella notte per una emorragia cerebrale. Il popolare conduttore televisivo aveva 60 anni.

26.03.2018

Il Festival al duo Meta-Moro

Sanremo

Il Festival al duo Meta-Moro

I vincitori della 68esima edizione del Festival di Sanremo sono Ermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone "Non mi avete fatto niente". Al secondo posto Lo Stato sociale con ...

11.02.2018