Che il buon senso prevalga in tutti

Salvaguardare la nostra identità

23.03.2017 - 15:35

0

Il Centro Italia è in ginocchio, lo stillicidio di scosse sta devastando i monumenti e gli animi di chi si sente sobbalzare la terra sotto i piedi. Il terrore si sta impossessando delle nostre vite, le scene di panico lo dimostrano. Quella di ieri mattina, lunghissima, è stata la più forte registrata nel nostro Paese dal 1980 quando il terremoto causò quasi tremila vittime. Oggi, per fortuna, non piangiamo morti. Un miracolo, un altro, dopo il 26 ottobre, dopo mercoledì sera, dopo le scosse che dalle 19.11 in poi ci hanno fatto ripiombare nel baratro della paura e della sofferenza. Ma il bilancio non è di poco conto: paesi interi cancellati, palazzi sventrati, danni immani alle chiese e alle case, cumuli di macerie per strada, ospedali evacuati, scuole inagibili. Le immagini che rimbalzano sugli schermi televisivi di tutto il mondo sono surreali, ancora più sconvolgenti le riprese dall’alto. Della basilica di San Benedetto di Norcia è rimasta solo parte della facciata principale, il resto si è accartocciato su se stesso. Ed è questa la foto simbolo dell’ennesima tragedia che ha colpito migliaia e migliaia di persone e il solo guardarla provoca una stretta al cuore. Ma, purtroppo, di questo nuovo sisma, tante possono essere annoverate come immagini simbolo. Anche le suore, i frati e gli altri fedeli che pregano nella piazza del patrono d’Europa sono qualcosa di veramente commovente mentre i soccorsi girano all’impazzata per accertare se ci sono vittime o feriti. Oppure le parole dei testimoni che hanno lo stesso suono, lo stesso sconforto, o anche le lacrime di chi lo vive in diretta sono contagiose. Perché la verità è che chi non ha mai vissuto sulla propria pelle il terremoto non sa di che cosa stiamo parlando, non immagina minimamente quella sensazione di vulnerabilità, di fragilità, che non ti abbandona neanche quando il lampadario smette di oscillare. Nonostante la paura e il dolore infinito la parola d’ordine dovrà essere solo una, e cioè ricostruire salvaguardando l’identità dei borghi e dei paesi del cratere sismico. Tantissimi cittadini, molti dei quali anziani, non vogliono abbandonare le loro abitazioni perché significherebbe rompere le radici, recidere qualsiasi legame con la propria vita, il proprio passato e i propri affetti. Ma il primo interesse di tutti è mettere in sicurezza le persone, metterle al riparo da altre scosse, ed è quello che è stato fatto ieri dalle 7.40 in poi. E ancora una volta oltre al terremoto l’Umbria e le altre zone limitrofi hanno registrato un’impennata di solidarietà, vicinanza, condivisione, da tutto il Paese, a cominciare dalle istituzioni. Ma una cosa è certa e soprattutto fondamentale: bisogna fare in fretta, muoversi sul serio con i fatti e non solo con le promesse.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Milano, blitz contro la banda di Comasina, 8 indagati

Milano, blitz contro la banda di Comasina, 8 indagati

(Agenzia Vista) Milano, 17 luglio 2018 Sono in totale otto gli indagati: sette per spaccio di sostanze stupefacenti, uno per il reato di riciclaggio. Sono questi i numeri di un'operazione della polizia di Milano partita da un'indagine condotta nei mesi scorsi in zona Comasina del capoluogo lombardo stando a quanto riportato, il gruppo criminale si stava ricostituendo dalla base aveva spostato la ...

 
Si da fuoco in strada a Milano, ecco la testimonianza della donna che ha portato l'estintore

Si da fuoco in strada a Milano, ecco la testimonianza della donna che ha portato l'estintore

(Agenzia Vista) Milano, 17 luglio 2018 "Io ero al bar e ho visto questo ragazzo che si buttava a terra, sono andata e ho capito subito che si stava per gettare la benzina addosso. Arrivando la polizia che ha inseguito il ragazzo io ho preso un estintore in farmacia che ho dato alla guardia di Finanza, ma non l'ho salvato io è stata tutta una casualità". Lo ha raccontato una testimone che, nel ...

 
Parlamentari e giornaliste in campo per ricordare Jo Cox, lo speciale

Parlamentari e giornaliste in campo per ricordare Jo Cox, lo speciale

(Agenzia Vista) Roma, 17 luglio 2018 Parlamentari e giornaliste in campo per ricordare Jo Cox, speciale Si è svolta a Roma la terza edizione del Trofeo 'Memorial Jo Cox', la manifestazione sportiva organizzata dal CSI Roma che ha messo di fronte la Nazionale Femminile Parlamentari ad una Rappresentativa di giornaliste.Giunto alla 3ª edizione, il match è dedicato alla memoria della celebre ...

 
Open Arms accusa: naufraghi lasciati morire dalle milizie libiche

Open Arms accusa: naufraghi lasciati morire dalle milizie libiche

Roma, (askanews) - La denuncia di Open Arms, che ha rinvenuto in mare, al largo delle coste libiche, due cadaveri e una donna ancora viva, abbandonati tra le onde. Askanews ha intervistato la coordinatrice della sede italiana della Ong spagnola, Veronica Alfonsi. "È successa una cosa drammatica - ha spiegato - eravamo in zona Saar, siamo ripartiti per la nostra missione, abbiamo trovato una ...

 
Il mondo della musica piange il maestro Caruso

lutto

Il mondo della musica piange il maestro Caruso

È morto all'età di 82 anni Pippo Caruso, maestro e direttore d'orchestra noto per aver preso parte a numerosi programmi televisivi di successo al fianco di Pippo Baudo, di ...

29.05.2018

È morto Fabrizio Frizzi

LUTTO NELLO SPETTACOLO

È morto Fabrizio Frizzi

Fabrizio Frizzi è morto nella notte per una emorragia cerebrale. Il popolare conduttore televisivo aveva 60 anni.

26.03.2018

Il Festival al duo Meta-Moro

Sanremo

Il Festival al duo Meta-Moro

I vincitori della 68esima edizione del Festival di Sanremo sono Ermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone "Non mi avete fatto niente". Al secondo posto Lo Stato sociale con ...

11.02.2018