Che il buon senso prevalga in tutti

La strada del perdono

23.03.2017 - 15:36

0

Il mondo ha bisogno del perdono, tutti noi abbiamo bisogno di essere perdonati e di perdonare. Questo il messaggio, forte e sentito, pronunciato da papa Francesco nella Porziuncola, luogo simbolo della cristianità dove otto secoli fa il Santo di Assisi ricevette la concessione dell'indulgenza plenaria, la prima in assoluto nella storia della Chiesa, perché “voleva mandarci tutti in Paradiso”.
Una visita storica per indicare a tutti la strada maestra per la salvezza e qui nella piccola chiesa all’interno della Basilica di Santa Maria degli Angeli tutto parla di perdono. Lo ha detto il Santo Padre nella sua meditazione e le sue parole ritornano a mente se ripercorriamo le immagini del suo arrivo in una delle giornate più calde d’estate, quando non risparmia le carezze ai malati e ai bambini, quando sorride fermandosi a stringere le mani mentre attraversa la navata principale fino a quando si siede su una sedia come ha fatto ad Auschwitz davanti a quel minuscolo pezzo di terra pregando in silenzio e chiedendo perdono per tutto il male che gli uomini hanno prodotto e continuano a produrre.
La commozione dura il tempo del suo raccoglimento, il silenzio sembra irreale, e poi le sue parole che rimbombano come un monito, intervallate da frasi e battute “fuori sacco” per semplificare il discorso stampato. Ma sempre a insistere sulla strada del perdono, l’unica strada che può davvero rinnovare la chiesa e il mondo. Il mondo ha bisogno del perdono, ha ripetuto. “Perché troppe persone vivono rinchiuse nel rancore e covano odio, perché incapaci di perdono, rovinando la vita propria e altrui piuttosto che trovare la gioia della serenità e della pace”.
Ma alla fine il Papa ha regalato anche un fuori programma, dirigendosi verso i confessionali e invitando i vescovi e i frati a seguirlo per confessare alcune persone. Un gesto in linea con il suo modo di fare, in sintonia con il tema del perdono. Un evento storico questa seconda visita del Pontefice nella terra di Francesco, la comunità umbra da ieri è più ricca e ricorderà la grandezza di questo uomo vestito di bianco che invoca il perdono già invocato da Francesco diventato santo ottocento anni fa nello stesso luogo e con lo stesso spirito.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Trump: andare d'accordo con Russia è una buona cosa, non cattiva

Trump: andare d'accordo con Russia è una buona cosa, non cattiva

Helsinki (askanews) - "Andare d'accordo con la Russia è una buona cosa, non una cosa cattiva". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante il saluto ufficiale con l'omologo russo, Vladimir Putin, all'interno del palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia.

 
In autostrada con 11 quintali di ottone rubato: tre in manette

In autostrada con 11 quintali di ottone rubato: tre in manette

Roma, (askanews) - Viaggiavano in autostrada con 11 quintali di serrature rubate. Gli agenti della Polizia stradale di Roma Nord hanno notato una station wagon sfrecciare a forte velocità in autostrada in direzione Roma con tre persone a bordo. Ad attirare l'attenzione della pattuglia non è stata solo l'alta velocità ma anche l'assetto molto ribassato del veicolo soprattutto nella parte ...

 
Maradona in Bielorussia, presidente del club Dinamo Brest

Maradona in Bielorussia, presidente del club Dinamo Brest

Roma, (askanews) - Diego Maradona è arrivato a Brest, in Bielorussia, dove ha firmato lo scorso maggio un contratto di tre anni come presidente del club di calcio della Dinamo Brest. "Sì, Diego è con noi!", si legge sul profilo Twitter del club. Da parte sua, la leggenda argentina ha pubblicato sul proprio profilo Instagram una foto che lo ritrae mentre firma un contratto e sullo sfondo una ...

 
Economia

Borsa, petrolio schiaccia i listini

Il brusco ribasso del greggio, che scende a 68 dollari, i minimi da tre settimane, fiacca i mercati internazionali. Le Borse europee peggiorano verso la fine della seduta e Milano chiude in calo dello 0,3 per cento. Colpiti dalle vendite i titoli petroliferi, come Saipem, Eni e Tenaris, ma anche il settore dell’auto accusa il colpo, con Ferrari tra i titoli peggiori del paniere. Sono ben comprate ...

 
Il mondo della musica piange il maestro Caruso

lutto

Il mondo della musica piange il maestro Caruso

È morto all'età di 82 anni Pippo Caruso, maestro e direttore d'orchestra noto per aver preso parte a numerosi programmi televisivi di successo al fianco di Pippo Baudo, di ...

29.05.2018

È morto Fabrizio Frizzi

LUTTO NELLO SPETTACOLO

È morto Fabrizio Frizzi

Fabrizio Frizzi è morto nella notte per una emorragia cerebrale. Il popolare conduttore televisivo aveva 60 anni.

26.03.2018

Il Festival al duo Meta-Moro

Sanremo

Il Festival al duo Meta-Moro

I vincitori della 68esima edizione del Festival di Sanremo sono Ermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone "Non mi avete fatto niente". Al secondo posto Lo Stato sociale con ...

11.02.2018